attualita' posted by

MARATTIN (PD) E IL MOLTIPLICATORE DELLA SPESA PUBBLICA ITALIANA

Ieri, colui che è talmente sexy che avrebbe potuto avere una colossale carriera da pornoattore tanto è fico, amato da milioni di donne e venerato come un Dio dalle moltitudini di uomini….

….si è trovato a discutere di spesa pubblica e di moltiplicatori con il populista numero uno di Scenarieconomici: il prof. Rinaldi.

Bene, il nostro pornodivo mancato, a Skyeconomia, se ne esce, tomo tomo cacchio cacchio (per dirla alla Totò) con una infelice battuta sui moltiplicatori Keynesiani della spesa pubblica:

“i moltiplicatori non esistono, pertanto se spendo 1 euro di denaro pubblico non esiste un solo esempio in cui la crescita è stata di 4 o 5 euro……non esistono moltiplicatori di 4-5-6-7-8 volte il denaro speso, come sottinteso nei conti di questi signori”.

I signori, per inciso, sarebbero gli estensori del documento congiunto M5S-Lega.

Mi trovo, di tal guisa, costretto a chiarire bene, al mancato John Holmes de’ Ferrara, il concetto di moltiplicatore della spesa pubblica:

Partiamo da un assunto: SE MOLTIPLICO ZERO IL RISULTATO SARA’ SEMPRE ZERO.

Su questo penso che saremo d’accordo!

Ma se spendo qualcosa in più di quanto spendevo prima, cosa accade?

Bene, vi è chi sostiene che con i tassi a zero i moltiplicatori POSSONO ARRIVARE A 4 (come ci fa notare Claudio Borghi), e sono proprio quei leghisti del Fondo Monetario Internazionale:

Ma noi vogliamo andare in profondità e  spiegarvi cosa sia il moltiplicatore della spesa pubblica italiana, come nasca, come opera e quanto valga.

Consideriamo proprio il modello fiscale italiano, ovvero con:

  • imposta proporzionale al reddito
  • iva
  • contributi Inps a carico dei lavoratori
  • contributi Inps  carico dei dipendenti

Ognuna di queste componenti ha una sua equazione matematica e determina un suo gettito fiscale:

 

Andando a costruire il modello complessivo abbiamo:

 

Ora, andando sostituire i valori reali alle letterine, es:

  • il t di 1+t relativo all’iva va messo a 0,22
  • il t con w, dei contributi a carico del dipendente, è pari a 0,0919
  • ecc.

abbiamo che, all’incirca, il moltiplicatore fiscale oscilla tra il 1.14 e l’1.90%.

Da cosa dipende tale differenza?

Da “m” ossia da quanta parte della spesa pubblica si trasforma in importazioni dall’estero. Per tale motivo, prima della stretta bancaria monetaria sul settore delle costruzioni e della stretta Montiana con l’IMU, il PIL reggeva meglio del periodo 2009-2015. Ancora era possibile costruire case e capannoni, attività che era abbastanza al riparo dall’import (muratori italiani, finestre e porte italiane, ceramiche e bagni italiani) e il moltiplicatore era vicino al 2.

Capito amici?

Tutto dipende da “m” (ossia dalla propensione all’import) ed è per questo che agendo con miniBOT come fossero una valuta parallela (a rischio import zero) l’economia riprenderebbe alla grande.

Ad maiora.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog