rassegna stampa posted by

Luttwak (ottobre 1996): L’Italia starà meglio senza Euro. Gli estremisti monetari provocheranno un massacro”

Questo articolo-intervista non è recentissimo, data OTTOBRE 1996. Il politologo Edward Luttwak viene interpellato da Riccardo Orizio del Corriere della Sera a proposito della questione Euro.

“Finira’ come nel 1940. Allora l’ Italia non aveva alcuna convenienza ad entrare in guerra, ma l’ istinto del gregge fece si’ che Mussolini, che pure l’aveva intuito, facesse questo errore. Si diceva: tutte le potenze mondiali entrano nel conflitto, perche’ noi dobbiamo starne fuori? Siamo forse di serie B? E cosi’ l’ Italia commise un grande errore. Maastricht e’ paragonabile a quel momento storico: sara’ un massacro e l’ Italia, per paura di finire come la Grecia e perdere la faccia, andra’ al massacro economico programmato dagli estremisti ai quali avete affidato l’ unificazione monetaria.

D’ altra parte, nella loro storia gli europei si sono sempre fatti travolgere da tragiche passioni concettuali”. Edward Luttwak, il politologo e superconsulente americano che da alcuni anni si e’ assunto il ruolo di “Grillo parlante” straniero della realta’ italiana, e’ convinto di “parlare al vento”. “Tanto, queste sono profezie che non vengono mai ascoltate dai diretti interessati”. E aggiunge: “Ma perche’ voi italiani continuate a lamentarvi della possibilita’ di restare fuori dalla moneta unica come la Grecia e invece non dite “come la Svizzera”?”.

Luttwak ha un’ idea precisa: la moneta unica europea va bene, purche’ sia gestita come il dollaro. Cioe’ da una banca centrale indipendente, ma non ossessionata dal pericolo inflazione come la Bundesbank. “L’ Unione europea fa un ottimo lavoro quando si esercita in negativo, cioe’ quando elimina dazi, differenze legislative o dogane. Ma nell’ azione in positivo la Ue e’ un disastro. Basta pensare agli aiuti all’ agricoltura. Lo stesso vale per la moneta unica”.

Il dilemma che sta alla base di questo dibattito e’ quello tra un’ economia dominata da una moneta forte, anzi fortissima, blindata anche a costo di avere una disoccupazione alta e una produzione industriale congelata, e un’ economia dove un po’ di inflazione e’ tollerata in nome della necessita’ di posti di lavoro.

Luttwak, che oggi e’ consulente del ministero del Tesoro giapponese oltre che di molte grandi corporation nipponiche, ricorda che “da noi, negli Stati Uniti, quando arriva la notizia che il dollaro va male i businessmen festeggiano. E se la Federal Reserve si comportasse come la Bundesbank, governo e business community ne chiederebbero l’ abolizione. In Europa rischiate di farvi governare da estremisti monetari. L’ economia globale e’ gia’ in tempi di deflazione e loro non sono ancora contenti. E’ come se qualcuno, mentre la temperatura scende e si avvicina l’ inverno, inserisse l’ aria condizionata al massimo in nome dei benefici dell’ aria fresca”.

Consulente a piu’ riprese della Casa Bianca e del Dipartimento di Stato, considerato vicino alla destra americana, uomo poliglotta (e’ un ebreo della Transilvania la cui famiglia ha vissuto molti anni a Milano) e poliedrico, Luttwak ama provocare. E oggi parla di “cretino orgoglio monetario”. “Ma cosa avete voi italiani da guadagnarci ad entrare nell’ Europa monetaria tra i primi? Non vi serve una moneta fortissima unita a una disoccupazione alta, perche’ i vostri investimenti all’ estero non sono una cosa rilevante. Voi dovete esportare e produrre. Il 30 per cento del vostro export va fuori dall’ Unione europea. Invece vi fate condizionare dai banchieri centrali, che sono come gli esorcisti: vedono il diavolo, in questo caso l’ inflazione, dappertutto. Le prediche di Mario Monti piacciono molto perche’ sembrano dare una base logica a quello che e’ un istinto solo irrazionale”.

In Italia per una serie di conferenze, Luttwak fa una previsione catastrofica: “L’ Italia riuscira’ ad entrare nell’ Euro perche’ Francia e Germania sono pronte ad accettare anche i trucchi statistici pur di aprirvi la porta. Vi accetterano turandosi il naso e imponendo un rapporto lira.Euro molto svantaggioso. E basta vedere cosa sta gia’ succedendo in Francia per capire quale prezzo vi faranno pagare: anche i panettieri sono in crisi, l’ economia piu’ che rallentare e’ nel rigor mortis. L’ Euro sara’ come il franco svizzero: tutti lo vorranno comprare, tutti vi vorranno investire e tutti vorranno depositare nelle banche legate all’ Euro. Seguirete tutti l’ esempio dell’ Olanda, che e’ al servizio della Bundesbank e del sistema Germania”.

A dir la verita’ , anche in Germania l’ opinione pubblica non e’ tenera nei confronti della moneta unica e dell’ Europa. Anzi, c’ e’ la sensazione che piu’ si avvicina il momento della verita’ e piu’ gli elettori di Helmut Kohl siano impauriti dal progetto del loro cancelliere. “Si’ . risponde Luttwak ., ma per la Germania ha senso presidiare un’ Europa a moneta forte. La Bmw viene a produrre in America dove il costo del lavoro e’ infinitamente piu’ basso di quello tedesco e poi riesporta in Europa le sue automobili. Anche alla Spagna conviene l’ Euro, nonostante la disoccupazione. Ma l’ Italia e’ un caso diverso”. Quindi lo scenario e’ senza speranze? Luttwak sorride e risponde: “No, ce la farete. Perche’ verrete espulsi dall’ Euro. E allora tornerete competitivi”.

 

 

 

Andrea Lenci (@andrealenci)

Account Social Network Scenarieconomici.it – Facebook – Twitter

1 Comment

  • […] […]

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog