attualita' posted by

L’Italia unico paese europeo che può continuare a commerciare con l’Iran. Grande successo della nostra politica estera.

 

Mentre si attendono i risultati delle elezioni di mitdterm a Camera e Senato Mike Pompeo, il segretario di Stato USA, conferma che gli Stati Uniti  reimporranno le sanzioni all’Iran, cercando di  bloccare o di danneggiare gravemente il principale export di Teheran e minandone l’economia, sino a quando non vi sia una svolta democratica o un regime più vicino alle posizione USA sia per quanto riguarda il disarmo nucleare, che è visto con grande scetticismo da Washington. Ricordiamo che anche la Siria è un punto caldo delle relazioni USA -Iran, con un intervento massiccio dei secondi che viene visto in modo molto negativo anche per i legami di Washington con lo Stato di ISraele.

Trump ha fatto dei dazi uno dei punto base della sua campagna elettorale ed ha affermato che queste sanzioni ricadranno anche su tutti i paesi e le società che accetteranno di commerciare con Teheran. Solo pochi paesi hanno ottenuto un’esenzione temporanea, in virtù del peso che hanno nelle  relazioni con gli USA: Cina, India, Corea del Sud, Giappone, Emirati Arabi Uniti, Turchia, Taiwan e… Italia. L’Italia è l’unico paese europeo che potrà continuar ad accedere la petrolio iraniano senza problemi, almeno per ora.

Si tratta di una grande vittoria della diplomazia nazionale, ed un grosso vantaggio competitivo. Mentre la Germania ed altri paesi diventeranno sempre più dipendenti dalle forniture dalla Russia, all’Italia viene concesso di mantenere una maggiore diversificazione. L’ENI viene ad avere un grosso vantaggio strategico rispetto ai suoi competitori europei, Total in testa.

Gli USA spingeranno per una limitazione del sistema Swift verso l’Iran, se non per la sua totale esclusione e questo dovrebbe spingere ad una soluzione diversa nei pagamenti internazionali, magari ad hoc. La mossa di Trump può essere considerata come una risposta alla partecipazione franco-tedesca al meeting organizzato dalla Russia sulla Siria, meeting al quale noi, per fortuna, non siamo interessati nè invitati.

A questa notizia si accompagna l’accettazione di Putin per un viaggio di stato in Italia, mentre è in preparazione il meeting di Palermo sulla Libia, a cui , se tutto va bene, dovrebbe partecipare Haftar. L’autonomia internazionale dell’Italia inizia a pagare, molto più di quanto pagasse l’inesistente solidarietà, o unità, europea.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog