attualita' posted by

L’ITALIA E’ UN PAESE INFELICE E QUESTO FA PRESAGIRE UN CATACLISMA POLITICO

 

Negli ultimi giorni è circolata la news sull’infelicità degli italiani, o meglio sulla loro posizione non proprio di prima fila nella classifica della felicità. Naturalmente la notizia è stata riportata con grande leggerezza, ma, in realtà, può aver delle ripercussioni ben più profonde.

Il report sulla felicità è più approfondito di quanto si pensi e scompone la felicità stessa in alcune componenti socialmente rilevanti quali :

  • PIL pro capite;
  • attesa di vita ;
  • supporto sociale per le classi in difficoltà;
  • libertà di scelta;
  • generosità;
  • percezione di corruzione (o meglio il suo inverso);
  • quindi la felicità /infelicità progressiva generica.

Come abbiamo detto la posizione degli italiani nella classifica è, quanto meno, mediocre, soprattutto considerando che si tratta di un paese occidentale. Vediamo la classifica :

e gli altri 50

Vediamo che la posizione italiana è al 48 posto, molto indietro, alle spalle di paesi Abbiamo un discreto effetto per il PIL e per il supporto sociale, mentre è pessimo per quanto riguarda la libertà di scelta e la corruzione.

Ancora peggiore è la situazione per quanto riguarda il cambiamento di posizione rispetto alla rilevazione precedente.

Vediamo come è peggiorata la rilevazione :

Come vediamo SIAMO UNO DEI PAESI AL MONDO CHE E’ SCESO MAGGIORMENTE NELLE CLASSIFICHE, uno di quelli divenuti più infelici. Un indicatore molto forte della nostra insoddisfazione….

Il livello di felicità ha però anche un’altra importanza come indicatore a livello politico. Un interessante scritto scientifico di George Ward del 2015 “Is Happiness a predictor of election results”, pone in luce come proprio l’indice di felicità possa predire i risultati delle elezioni politiche con molta più cura rispetto ad indicatori di carattere puramente economico quali l’andamento del PIL. Questo è anche oggettivamente logico: l’indicatore di felicità considera non solo l’aumento della ricchezza prodotta, ma anche la sua distribuzione , oltre ad una serie di fattori diversi socialmente rilevanti quali salute , generosità e libertà. La base della valutazione è il “Subjective well being”, la percezione di benessere personale.

Questo studio, estremamente ampio, ci mostra come vi sia una correlazione molto maggiore (86%) fra percezione personale del benessere (SWB) e risultato elettorale rispetto ai soli risultati economici (46%), anche se , ovviamente, il risultato politico è ancora più influenzato dalla concordanza dei fattori sociali ed economico. Nel caso italiano abbiamo una FORTE insoddisfazione sociale, felicità, ed una DEBOLE crescita economica. L’incrociarsi di questi fattori fa prevedere un autentico DISASTRO per il sistema politico italiano, e specialmente per l’attuale maggioranza, alle prossime elezioni, e questo nonostante i dati, recentemente spesso contraddetti, dei sondaggi elettorali.

 

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog