Euro crisis posted by

L’Euro e le svalutazioni della Lira (dedicato a chi non ha capito)

Ecco nuovamente il nostro autore TELEBOLDRINI che ci ricorda, pel tramite delle immagini del film IT, la doppia faccia che la MONETA UNICA (che tutte le monete uniche..) HA:

– prima ti sorride (riempie l’economia debole, diventata credibbbbile, di capitali in cerca di impieghi redditizi e senza rischio di perdite su cambi);

– poi ti morde (col fenomeno del capital outflow che si genera quando si diffonde il panico per la mancata sostenibilità del debito privato, che a quel punto deve essere trasformato in pubblico).

In pratica, chi rammenta questo film può capire bene il nostro attuale sentimento avverso alla moneta che tante sofferenze ha causato e che continua a causare.

Screenshot_4

******************************************************************************************

L’Euro e le svalutazioni della Lira (dedicato a chi non ha capito) – di Teleboldrini

******************************************************************************************

ll trucco dell’Euro fu semplicemente questo, a prima vista sembrava un vantaggio; interessi bassi, più potere di acquisto sui prodotti stranieri,una vera cuccagna che non generava la spinta a fare investimenti in modo da rendere il sistema più produttivo.

untitled (47)

Per lucrare cospicui guadagni era sufficiente spostare gli investimenti in attività non soggette alla concorrenza tedesca, per esempio il mercato immobiliare ( o Autostrade come hanno fatto i Benetton), attività dette non tradable, fenomeno alla base della nascita della bolla edilizia che poi, esplodendo, coinvolse tutto il SudEuropa, e/o delocalizzare. Quanto poi al tenore di vita, si poteva finalmente acquistare a buon mercato i prodotti tedeschi ( e così le fabbriche italiane venivano spinte a chiudere i battenti). Il disastro si rivelò nella sua dimensione autentica quando la crisi finanziaria portò i tedeschi a richiedere indietro i capitali investiti che di fatto erano rimasti il solo artificioso supporto alle economie del sud, territorio atrofizzato nel manifatturieri in favore dei tedeschi.

untitled (48)

Studi serissimi sul tema sono stati realizzati da molti economisti stranieri tra cui 7 Premi nobel che hanno spiegato che l’unica salvezza per le economie del Sud Europa sarebbe uscire dall’Euro( o che ci esca la Germania). In ambito italiano rimanderei agli studi di Borghi, Bagnai, Savona e Rinaldi tutti ben conosciuti professori di economia e non intellettuali di corte compresi i servitori di Confindustria al quale ormai rappresenta per lo più coloro che hanno delocalizzato (per tempo). La grande balla è stata far credere cha con una moneta coma l’Euro (uguale a quella dei tedeschi)e condizioni produttive molto diverse l’industria italiana potesse sopravvivere . Non che gli italiani come produttori siano diventati inferiori, ma si è chiesto al nostro sistema industriale di fare un match con un braccio legato. Che poi abbiamo una classe politica- burocratica di deficienti, incapaci, corrotti, bugiardi traditori e farabutti è un dato su cui non insisto, ma è la stessa che ci ha portato in questo pasticcio e che adesso vuol far credere agli italiani che è colpa loro non di chi ha fatto scelte suicide per il paese proteggere il proprio potere ed i propri privilegi.

Le svalutazioni competitive erano la logica di una diversa forza economica tra il sistema tedesco e quello italiano , alla base c’era che l’Italia con un Nord industriale ed un Sud non sviluppato che in quelle condizioni sociopolitiche non sviluppabile viveva su un patto non scritto. Il Nord espotava soldi al Sud ( in pratica in parte lo manteneva , in cambio la debolezza del Sud faceva sottovalutare la lira rendendo assai competitive sul piano internazionale le merci italiane. Le svalutazioni non erano un incidente di percorso rimovibile erano la colonna dorsale del sistema Italia. Il sistema non è cambiato gli è stata tolto l’elemento che gli permetteva di sopravvivere. C’era un alternativa? Forse sì: impiccare uan classe dirigente corrotta? Dividere l’Italia? Sviluppare il Sud con una classe dirigente onesta? Potrei andare avanti ma col sapere del poi, le risposte hanno solo il sapore dell’amara utopia mancata. ed è l’ultima cosa che serve oggi. Quello che ci serve è un gruppo politico disposto a portarci fuori dalla trappola senza speranza in cui ci han cacciati, anche se non può risolvere tutti i problemi italiani portandoci fuori da questa Europa ci permetterà di sopravvivere.

 

TELEBOLDRINI

 

2

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog