analisi e studi posted by

Lettera aperta : Caro socio Veneto Banca e Popolare di Vicenza guardiamo in faccia la realtà.

Caro socio dopo la presentazione transattiva avvenuta il 9 gennaio è arrivato il momento a mente fredda di valutare se prendere o lasciare i soldi che Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza ti offrono. Sono tanti o sono pochi il 15% o 9 euro?


Scritto da Francesco Celotto,

vicepresidente associazione soci banche popolari venete www.assopopolarivenete.it


Dipende da quanto è il capitale investito, dalla situazione personale. Questa è una valutazione che ognuno farà una volta calcolata la perdita, considerando anche le alternative in campo.

 

Partiamo dal presupposto che al di sotto di certe cifre conviene accettare la offerta transattiva considerando anche la correlata proposta commerciale sulle somme depositate e vincolate per 3 o 10 anni. Calcolando anche gli interessi sui tali depositi si arriva a una percentuale di recupero attorno al 25% che aumenta considerevolmente se si deposita il massimo consentito e cioè fino a 5 volte quanto ricevuto a titolo di risarcimento.

In tal caso si arriva a una percentuale vicina al 50% (nel caso ovviamente di deposito a 10 anni) .

Se invece si preferisce perseguire la via legale (causa civile) va considerato che i tempi possono essere lunghi (per la sentenza di primo grado si va dai 3 ai 5 anni) e in caso di soccombenza i costi pesanti. Il socio soccombente sarebbe infatti condannato a pagare anche le spese legali della banca.
Si tratta a titolo esemplificativo per una causa di importo pari a 50.000 euro di non meno di 12.000 euro tra costi diretti (il proprio avvocato e i bolli previsti per legge) e indiretti ( l’avvocato della controparte, cioè della banca). Parlo di costi minimi che aumentano ovviamente all’aumentare dell’ammontare della somma di cui si chiede il risarcimento.


Nel caso di vincere la causa non è detto che la banca venga condannata a risarcire l’intero petitum.
In ogni caso dalla somma versata andranno detratti i costi legali sostenuti (bolli e il 12% in media come success fee riconosciuto al legale).
Ricordo poi che le eventuali cause civili hanno possibilità di successo per quei soci che hanno acquistato azioni dal 2012 in poi profilandosi a carico della banca una violazione extracontrattuale per false comunicazioni sociali quando non addirittura il falso in bilancio e la truffa ( molto piu’ difficili da dimostrare in ogni caso).

Per chi ha acquistato prima del 2012 la possibilità di adire alla giustizia e vincere non risultano molto alte anzi. Con il rischio di un salasso da pagare a titolo di spese legali come spiegato sopra. Senza contare che se le banche venissero sommerse da cause legali e le perdessero tutte non è detto che sarebbero in grado di far fronte a tutti i risarcimenti richiesti.

Le due banche infatti accumulano perdite pesanti e hanno una carenza di capitale stimabile in non meno di 5 miliardi tra costi di ristrutturazione del personale e necessari ulteriori accantonamenti per far fronte alle svalutazioni sui crediti deteriorati netti pari a 10 miliardi.
Se la operazione di transazione con i soci non andasse in porto i soci probabilmente non vedranno neppure il 15% dato che il passo successivo sarà l’intervento dello stato nel capitale della nuova banca che nascerà dalla fusione.


Il processo di rilancio possibile doloroso e lungo da attuare (a mio avviso non meno di 5 anni) sarà possibile solo se le banche avranno la capacità di attirare clienti e depositi.
In tale senso mi sembra che la operazione di transazione vada nella giusta direzione con i depositi vincolati che ricordo non potranno essere rinegoziati dalla banca e sono protetti dalla garanzia interbancaria fino a 100.000 euro.

 
Per concludere caro socio fatti molto bene i conti in tasca, calcola i costi-benefici con l’ausilio di una associazione o di un professionista e non farti prendere dalla emotività o dai facili discorsi di chi in modo del tutto avulso dalla realtà chiede la restituzione delle intere somme.
Caro socio guarda in faccia la realtà senza credere a facili illusioni e poi decidi.

Hai tempo due mesi.

 

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog