attualita' posted by

L’esercito Afgano? 300 mila fantasmi creati dalla corruzione

 

L’ex ministro delle finanze afghano, Khalid Payenda, afferma che la maggior parte dei 300.000 soldati afgani non sono mai esistiti nella realtà. Si trattava di  soldati “fantasma” fabbricati da funzionari corrotti per intascarne le paghe, secondo la BBC. Alla fine l’esercito afgano è imploso… perchè non esisteva!

Quindi  funzionari afghani corrotti hanno mentito sulle reali dimensioni della forza combattente, mentre il presidente degli Stati Uniti Joe Biden invitava il presidente afgano Ghani a mentire sulla reale situazione sul campo e sull’avanzata dei talebani. Ghani si è  rifiutato di mentire, ma poi è partito con pacchi di soldi mentre i talebani conquistavano il paese.

“Noi chiedevamo ai responsabili di provincia quanti fossero i loro uomini e poi distribuivamo i soldi degli stipendi e gli aiuti sulla base di queste cifre”, ha detto l’ex ministro delle finanze a Ed Butler della BBC. Un invito alla frode, praticamente.

L’ex ministro ha affermato che i numeri potrebbero essere stati gonfiati di più di sei volte e includevano “diserzioni [e] morti che non sono mai stati contabilizzati perché alcuni comandanti avrebbero tenuto le loro carte di credito” e avrebbero ritirato i loro stipendi, ha affermato.

Eppure già da tempo sussistevano dei dubbi sui veri numeri delle truppe afgane.  Un rapporto del 2016 dell’ispettore generale speciale degli Stati Uniti per la ricostruzione dell’Afghanistan (Sigar) ha affermato che “né gli Stati Uniti né i loro alleati afgani sanno quanti soldati e poliziotti afgani esistono effettivamente, quanti sono effettivamente disponibili per il servizio o, per estensione, la vera natura delle loro capacità operative”. -BBC

Più di recente, Sigar ha espresso “serie preoccupazioni sugli effetti corrosivi della corruzione… e sulla discutibile accuratezza dei dati sull’effettiva forza della forza”.

L’ex ministro delle finanze Payenda, nel frattempo, ha affermato che i soldati “fantasma” spesso non sono stati pagati in tempo, mentre i leader delle milizie sostenute dal governo hanno “raddoppiato” spesso i propri compensi prendendo i soldi da Kabul per poi accettare un compenso dai talebani per arrendersi.

“La sensazione era che questo meccanismo non fosse modificabile. È così che funzionava il parlamento, è così che funzionava la pubblica amministrazione. Tutti penserebbero che il pesce puzza dalla testa il che significa che il vertice è coinvolto in questo”, ha detto, aggiungendo che mentre non pensava che l’ex presidente Ghani fosse “finanziariamente corrotto”, c’erano sicuramente accuse di corruzione all’interno del ministero delle finanze.

In chiusura, Payenda ha affermato che l’Occidente era “parte attiva” in alcuni di questi fallimenti. Alla fine gli USA hanno voluto creare da soli il proprio fallimento.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal