attualita' posted by

Le dispute fra Kurdistan e Iraq si aggravano, mentre gas e petrolio sarebbero essenziali per la UE

 

L’annosa disputa su come vengono gestiti i flussi di petrolio nella regione semi-autonoma del Kurdistan nel nord dell’Iraq – amministrata dal suo governo (il KRG, a Erbil) – e su come la regione viene ricompensata dal Governo Federale dell’Iraq (FGI) a Baghdad per la sua cooperazione in questo ambito ha subito una serie di drammatiche svolte legali nell’ultima settimanaì. L’esito di questi sviluppi avrà implicazioni significative e potenzialmente catastrofiche per le operazioni di esplorazione, sviluppo ed estrazione delle compagnie petrolifere internazionali (IOC) che operano nella regione amministrata dal KRG.

Le basi della controversia risalgono alla formazione del nuovo sistema di governo in Iraq nel 2003, subito dopo la caduta di Saddam Hussein. All’epoca, fu ampiamente concordato che il KRG avrebbe esportato un certo volume di petrolio dai propri giacimenti e da Kirkuk attraverso l’organizzazione statale irachena per la commercializzazione del petrolio (SOMO) e non avrebbe venduto autonomamente il petrolio dei giacimenti sui mercati internazionali. In cambio, Baghdad avrebbe versato al KRG un certo livello di pagamenti dal bilancio federale centrale dell’Iraq. Dal 2003 al novembre 2014, entrambe le parti hanno costantemente contestato che l’altra non avesse rispettato i termini dell’accordo. Nel novembre 2014, tuttavia, è stato raggiunto un accordo tra il FGI e il KRG, in cui quest’ultimo ha accettato di esportare fino a 550.000 barili al giorno (bpd) di petrolio dai propri giacimenti e da Kirkuk attraverso la SOMO. In cambio, Baghdad avrebbe inviato ai curdi il 17% del bilancio federale al netto delle spese sovrane (all’epoca circa 500 milioni di dollari) al mese.

Questo accordo – che anche in questo caso ha funzionato correttamente solo sporadicamente – è stato poi superato da un’intesa raggiunta tra il KRG e il nuovo governo federale iracheno formato nell’ottobre 2018 e incentrato sulla legge di bilancio nazionale del 2019. Questa prevedeva che il FGI trasferisse fondi sufficienti dal bilancio per pagare gli stipendi dei dipendenti del KRG e altre compensazioni finanziarie in cambio della cessione da parte del KRG dell’esportazione di almeno 250.000 bpd di greggio alla SOMO. Da allora, però, il FGI – nominalmente guidato da vari primi ministri, ma per un lungo periodo controllato dietro le quinte dal clerico radicale Moqtada a-Sadr – ha consegnato i fondi per gli stipendi dei dipendenti del KRG su base mensile in modo inaffidabile e il KRG ha consegnato il volume di petrolio concordato alla SOMO nello stesso modo.

Oltre alle complicazioni derivanti dall’ingresso di al-Sadr nell’accordo, le cose sono state ulteriormente complicate dall’enorme presenza della Russia nella regione amministrata dal KRG, soprattutto dopo il 2017. In quell’anno, la Russia ha effettivamente assunto il controllo delle infrastrutture petrolifere nella regione settentrionale del Kurdistan – attraverso la sua società di procura petrolifera, Rosneft – fornendo dapprima al governo del KRG un finanziamento di 1,5 miliardi di dollari attraverso vendite di petrolio a termine pagabili nei successivi tre-cinque anni. Poi ha acquisito un interesse operativo dell’80% in cinque blocchi petroliferi potenzialmente importanti nella regione, insieme a investimenti collaterali e assistenza tecnica, tecnologica e di attrezzature. Infine, ha acquisito il 60% della proprietà del vitale oleodotto KRG-Turchia, impegnandosi a investire 1,8 miliardi di dollari per aumentarne la capacità a un milione di barili al giorno. A quel punto Mosca si riteneva ben posizionata per far leva su questa presenza per ottenere una posizione altrettanto potente nel sud del Paese, in particolare stringendo nuovi accordi con Baghdad per l’esplorazione e lo sviluppo di giacimenti di petrolio e gas. Questi nuovi accordi avrebbero fatto seguito al ruolo di intermediazione svolto dalla Russia nella perenne disputa tra il Kurdistan e il FGI di Baghdad sull’accordo per l’erogazione del bilancio in cambio di petrolio. In realtà la Russia a fomentato le tensioni per potersi avvantaggiare fra le due parti.

È estremamente opportuno notare che l’irritazione di Baghdad per l’adesione saltuaria del KRG a qualsiasi versione dell’accordo sugli esborsi petroliferi per il bilancio stipulato nel 2014 ha iniziato a manifestarsi in azioni legali sostenute solo dopo le sanzioni internazionali imposte alla Russia per l’invasione dell’Ucraina. L’azione legale è iniziata seriamente con due recenti sentenze della Corte Suprema del FGI a Baghdad e con la proposta del Ministero del Petrolio iracheno di creare una Compagnia Petrolifera Nazionale del Kurdistan sotto la proprietà federale del governo nel sud dell’Iraq. L’obiettivo è quello di privare il KRG di qualsiasi autorità sulla sua industria petrolifera, fortemente dominata dai russi, e renderebbe tutti i precedenti contratti stipulati tra il KRG e le compagnie petrolifere soggetti a revisione. In questo senso, il Ministero del Petrolio iracheno ha ordinato al KRG di fornire copie di tutti i contratti per il petrolio e il gas firmati tra il governo della regione e le IOC negli ultimi 18 anni, nonché i rendiconti delle relative entrate. In un’apparente dimostrazione di sostegno al governo federale iracheno di Baghdad, il governo statunitense ha concesso a Baghdad una delle più lunghe deroghe mai concesse per continuare a importare gas ed elettricità dall’Iran come soluzione provvisoria ai problemi di approvvigionamento energetico interno.

La scorsa settimana un tribunale di Baghdad ha rinviato al 20 giugno l’udienza della causa intentata dal Ministero del Petrolio contro sette CIO che operano in Kurdistan, per consentire a tutti gli imputati di notificare le citazioni e preparare i documenti necessari per l’invio di rappresentanti autorizzati. Più o meno nello stesso periodo, secondo quanto riferito a livello locale, il KRG ha avviato una causa separata contro il Ministero del Petrolio, sulla base del fatto che le disposizioni della sua legge sul petrolio (“Legge n. 22 del 2007”) non violano la Costituzione irachena e quindi dovrebbero essere riconosciute come “leggi permanenti”.

La mancanza di chiarezza giuridica è stata al centro di questa disputa in corso dalla caduta di Hussein nel 2003. Secondo il KRG, ha l’autorità, ai sensi degli articoli 112 e 115 della Costituzione irachena, di gestire il petrolio e il gas nella Regione del Kurdistan, estratti da giacimenti che non erano in produzione nel 2005, anno in cui la Costituzione è stata adottata tramite referendum. Inoltre, il KRG sostiene che l’articolo 115 afferma che: “Tutti i poteri non stipulati nei poteri esclusivi del governo federale appartengono alle autorità delle regioni e dei governatorati che non sono organizzati in una regione”. In quanto tale, il KRG sostiene che, poiché i poteri rilevanti non sono altrimenti stipulati nella Costituzione, ha l’autorità di vendere e ricevere i proventi delle sue esportazioni di petrolio e gas. Il KRG sottolinea inoltre che la Costituzione prevede che, in caso di controversia, venga data priorità alla legge delle regioni e dei governatorati. Tuttavia, il FGI e la SOMO sostengono che, ai sensi dell’articolo 111 della Costituzione, il petrolio e il gas sono di proprietà di tutto il popolo iracheno in tutte le regioni e i governatorati.

La posta in gioco per le società petrolifere che operano nella regione settentrionale del Kurdistan e per Baghdad non potrebbe essere più alta, date le enormi riserve di petrolio e gas realizzate e potenziali nella regione e il fatto che gran parte dell’infrastruttura chiave per l’esportazione di petrolio in Europa dell’intero Paese passa attraverso l’area amministrata dal KRG (sotto forma di oleodotti diretti al porto turco di Ceyhan). Nel 2012 l’Agenzia Internazionale per l’Energia (AIE) ha evidenziato che, prima del recente aumento delle attività di esplorazione nell’area del KRG, più della metà dei pozzi esplorativi in Iraq erano stati perforati prima del 1962, “un’epoca in cui i limiti tecnici e il basso prezzo del petrolio davano una definizione molto più ristretta di pozzo di successo commerciale rispetto a quella attuale”. Sulla base della precedente limitata esplorazione e sviluppo di giacimenti petroliferi nell’area del KRG, la cifra delle riserve petrolifere accertate in quel periodo fu inizialmente stimata in circa 4 miliardi di barili. In seguito, il KRG l’ha aggiornata a circa 45 miliardi di barili ma, ancora una volta, l’AIE ha affermato nel 2012 che questa potrebbe rivelarsi una stima molto prudente. Inoltre, ha aggiunto, il Ministero delle Risorse Naturali del Kurdistan ha stimato nel 2012 che ci sono miliardi di mc di preziosissimo gas naturale, importante per l’Europa e non lontano dai gasdotti. Questo rende le dispute legali fra Erbil e Bagdad essenziali per l’Europa.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal