Seguici su

Attualità

Le autorità USA certificano il primo reattore nucleare modulare. In funzione entro il 2029

Pubblicato

il

La produzione di energia nucleare è parte integrante del panorama della rete elettrica ed è un pilastro fondamentale per la decarbonizzazione del settore energetico al fine di raggiungere l’azzeramento dei gas serra. L’evoluzione della produzione di energia nucleare dai tradizionali reattori giganti ad acqua leggera ai piccoli reattori nucleari modulari avanzati ad acqua leggera (SMR) potrebbe diventare realtà entro la fine del decennio.

La Nuclear Regulatory Commission (NRC) degli Stati Uniti ha recentemente certificato un progetto per l’SMR di NuScale Power. La certificazione consente alle utility di utilizzare il progetto quando richiedono le licenze per la costruzione di una centrale nucleare. La norma entrerà in vigore il mese prossimo.

“La norma entrerà in vigore il 21 febbraio 2023 e doterà la nazione di una nuova fonte di energia pulita che contribuirà a ridurre le emissioni in tutto il Paese”, ha scritto l’NRC in un comunicato.

Questo è il primo progetto di un SMR ad essere certificato negli Stati Uniti. Gli altri sei progetti riguardano reattori tradizionali di grandi dimensioni.

“Il progetto è un SMR avanzato ad acqua leggera con ogni modulo di potenza in grado di generare 50 megawatt di elettricità senza emissioni”, ha proseguito l’NRC.

Il Presidente Biden ha dato priorità all’avanzamento delle tecnologie nucleari per alimentare la rete di domani. La sua amministrazione ha anche annunciato finanziamenti per estendere la durata di vita delle centrali nucleari a livello nazionale.

Ricordiamo che abbiamo dichiarato che se il Presidente Biden vuole ottenere un futuro senza emissioni di carbonio, potrà farlo solo attraverso l’espansione della produzione di energia nucleare, non attraverso l’inaffidabile energia solare ed eolica che fluttua con il tempo.

Il piccolo design di NuScale, circa un terzo delle dimensioni di un reattore tradizionale, consente di costruirlo quasi ovunque. Esiste persino una versione galleggiante del reattore, costruita su una chiatta che può essere trainata verso le reti che hanno bisogno di espandere rapidamente la capacità energetica.

Il DOE e NuScale costruiranno una centrale dimostrativa con SMR nel 2025 e il primo modulo di potenza sarà operativo entro il 2029.

È ormai evidente la volontà degli Stati Uniti di aumentare la capacità nucleare aggiungendo gli SMR alla rete per realizzare un futuro senza emissioni di carbonio. Per fare ciò, gli Stati Uniti dovranno anche abbandonare la loro dipendenza dal combustibile nucleare proveniente dalla Russia, indicando la necessità di aumentare le catene di approvvigionamento minerario e gli impianti di arricchimento nazionali.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito