Seguici su

Attualità

L’agenzia delle tasse USA vuole mettere il naso nelle spese fatte con Paypal

Pubblicato

il

 

L’Internal Revenue Service (l’agenzia delle entrate USA) sta intimando agli americani di prepararsi a dichiarare le transazioni  effettuate tramite processori di pagamento “di terze parti” come Venmo e PayPal se superiori ai 600 dollari all’anno. 

In un avviso pubblicato martedì sul sito irs.gov, le aziende e i lavoratori autonomi sono avvertiti che le entrate cumulative di almeno 600 dollari all’anno tramite le app – che includono anche Zelle e Cash App – dovranno essere riportate su un modulo fiscale noto come 1099-K, secondo quanto riportato da Marketwatch.
Secondo l’agenzia, l’avviso è rivolto principalmente ai lavoratori part-time, a coloro che svolgono attività collaterali e a coloro che vendono beni. Non si applica alle transazioni non commerciali, come i rimborsi, o alle transazioni una tantum, come la vendita di vecchi mobili, come riporta Marketwatch.

Detto questo, considerando che i fornitori di terze parti inizieranno a segnalare le transazioni superiori a 600 dollari, come farà il fisco a sapere che state vendendo “vecchi mobili” piuttosto che, ad esempio, maglioni fatti di peli di gatto su Ebay? Prima di quest’anno, la soglia per la presentazione del modulo 1099-K era di almeno 200 transazioni per un totale di almeno 20.000 dollari, ma ora scende quasi a zero.

Quando il Congresso ha approvato l’American Rescue Plan Act del 2021, ha incluso una disposizione che ha ridotto la soglia di segnalazione a una singola transazione superiore a 600 dollari.

L’amministrazione Biden spera che, riducendo la soglia, la misura possa dare un giro di vite agli americani che evadono le tasse non dichiarando l’intero reddito lordo. -MarketWatch

In breve, questo provvedimento aumenterà senza dubbio le tasse per le persone che guadagnano meno di 400.000 dollari all’anno. Insomma la sinistra cerca solo di ridurre la libertà e incrementare le tasse, che sia negli USA o in Europa.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito