attualita' posted by

L’adozione di criptovalute aziendali potrebbe trasformare i pagamenti

 

Ormai è risaputo che le criptovalute sono qui per restare. Sono diventati una classe di attività con una capitalizzazione di mercato di oltre 1,7 trilioni di dollari a loro nome. Il mercato ha persino superato la soglia dei 2 trilioni di dollari ad aprile.

Tuttavia, nonostante la crescente adozione, il divario tra i mondi cripto e fiat è ancora lontano dal chiudersi completamente. Ci sono due problemi principali che frenano l’adozione della criptovaluta.

Il primo è che mentre le applicazioni cripto e blockchain sono prevalenti, non è semplice per le aziende del mondo fiat integrare le criptovalute nella loro offerta di servizi.

Un buon esempio è Revolut

Sebbene dispongano delle risorse per introdurre servizi relativi alle criptovalute, sono ancora in procinto di implementare servizi derivati ​​dalle criptovalute dopo diversi anni di sforzi. Hanno introdotto una struttura di prelievo di criptovalute solo all’inizio di quest’anno.

Allo stesso modo, i progetti crittografici hanno difficoltà ad accettare pagamenti in fiat. Non esistono praticamente soluzioni che rendano possibile effettuare pagamenti locali/transfrontalieri per tali progetti.

La tecnologia blockchain è relativamente giovane, ma il settore sta registrando una domanda da parte di aziende al di fuori del mondo delle criptovalute.

Le aziende che danno la priorità allo sforzo internamente o si procurano un partner adatto per costruire infrastrutture blockchain per loro otterranno senza dubbio lo status di first mover all’interno di determinati settori. Col tempo, vedremo i mondi delle criptovalute e delle fiat tradizionali lavorare in sincronia l’uno con l’altro.

I giganti del mercato dei pagamenti sono pronti ad accettare bitcoin?

Grandi aziende come Microsoft, Coca-Cola, PayPal, Expedia e Starbucks accettano già bitcoin come forma di pagamento. Tuttavia, questo è solo in alcune regioni e forme. Inoltre, Amazon potrebbe presto unirsi a loro.

Organizzazioni bancarie come Goldman Sachs e JP Morgan si stanno spostando verso le criptovalute, offrendo servizi correlati ai propri clienti. Anche aziende come Tesla, MassMutual e Square hanno effettuato notevoli investimenti in bitcoin. È chiaro che le criptovalute stanno riscontrando un ampio interesse tra gli attori aziendali.

Detto questo, è improbabile che bitcoin sarà l’opzione accettata a livello globale dai giganti del mercato dei pagamenti nelle loro attività.

Le stablecoin e le valute digitali della banca centrale hanno maggiori possibilità di ottenere favori nei prossimi anni, visto che le criptovalute come BTC ed ETH sono ancora destinate a subire volatilità, ma è già possibile negoziarle su app come Bitcoin Profit.

L’idea qui è quella di migliorare lo scenario delle transazioni, non aggiungere l’ulteriore complicazione di affrontare la volatilità degli asset “a metà transazione”, per così dire. Naturalmente, questo sarebbe realizzato in modo più realistico utilizzando stablecoin e CBDC.

Entro i prossimi anni, ci aspettiamo il lancio del primo CBDC su vasta scala. Molti paesi in tutto il mondo si sono impegnati nella ricerca di questa particolare strada.

Il DCEP cinese (anche più comunemente chiamato “yuan digitale”) sarà probabilmente il primo a ottenere un lancio completo. La banca centrale indiana ha anche recentemente annunciato un modello di implementazione iniziale per una valuta digitale che potrebbe essere lanciata entro la fine del 2021.

Inoltre, nel 2022 dovremmo iniziare a vedere insediamenti in stablecoin per le grandi aziende. Ad esempio, all’inizio di quest’anno, Visa ha annunciato che supporterà le transazioni in USDC sulla sua rete di pagamenti. Entro il 2022 vedremo probabilmente l’azienda compiere ulteriori incursioni in questa direzione.

I vantaggi della versatilità per i pagamenti

Il più grande vantaggio delle criptovalute non risiede nel loro prezzo. Deriva dalla loro versatilità come strumenti di insediamento. La necessità di pagamenti internazionali rapidi ed efficienti è estremamente alta in questo momento.

Le odierne piattaforme di pagamento e banche addebitano commissioni stravaganti per le transazioni internazionali. Inoltre, l’esecuzione di questi trasferimenti può richiedere un po’ di tempo.

L’integrazione delle criptovalute nei pagamenti può portare a transazioni più economiche e più veloci e migliorare il trasferimento di denaro attraverso i confini, rendendolo molto più semplice.

Porterà anche a una maggiore digitalizzazione e modernizzazione, causando un importante spostamento verso l’adozione della tecnologia blockchain e una maggiore integrità delle transazioni.

La necessità di una soluzione che consenta alle aziende di passare in modo efficiente tra fiat e criptovalute è essenziale.

Se riusciamo a creare un’infrastruttura che consenta alle aziende di effettuare pagamenti locali e transfrontalieri in modo rapido e a basso costo, diventerà proprio il ponte necessario per portare all’adozione di massa delle criptovalute per i pagamenti business-to-business.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal