attualita' posted by

LA TRUFFA TWITTER-BITCOIN: un consiglio per sfuggirne

Ieri si è venuto a sapere di una truffa colossale, a livello globale, che ha coinvolto Bitcoin e numerosi account twitter legati a VIP imprenditori e politici di caratura internazionale. I sospetti truffatori hanno violato gli account Twitter di persone molto note, compresi quelli di Joe Biden, Bill Gates, Elon Musk, Jeff Bezos e Kanye West,  cercando di truffare gli utenti attraverso le  criptovalute. Il primo ad essere colpito è stato Elon Musk, che twittava affermando di essere disposto a regalare enormi somme in Bitcoin a chi gliene avesse inviati prima.

I post di Musk sono stati presto seguiti da offerte simili di Gates, West, Bezos e Biden. Anche gli account di Mike Bloomberg e una manciata di aziende, tra cui Apple, sono state coimvolte nella truffa.

Non è chiaro come gli hacker abbiano avuto accesso ad un numero così elevato di account di persone note, e Twitter ha affermato che stanno”indagando e prendendo provvedimenti per risolverlo”.

Pare che la truffa abbia fruttato oltre centomila dollari hai criminali che, a quanto pare, si muovono fra la Nigeria e diversi altri paesi in via di sviluppo. Ci sono comunque forti sospetti che i truffatori abbiano dei contatti anche interni a Twitter. È evidente che la società di social media, sotto accusa anche per le proprie posizioni politiche fortemente di sinistra, abbia dei grossi problemi di sicurezza perfino negli account dei vip, solitamente certificati è strettamente controllati.

Comunque difendersi da queste truffe è molto semplice: quando qualcuno vi invita a mandare dei soldi in cambio di donazioni non bisogna farlo punto nessuno regala niente, soprattutto se appartiene alla lista di queste persone famose che spesso lo sono diventate sulla pelle degli altri. Se fossero stati così generosi non sarebbero mai diventati dei miliardari.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Seguici:

RSS Feed