attualita' posted by

La supercazzola dell’Italia con più dipendenti pubblici d’Europa. Ecco la verità!

IMG_8218

 

Altro luogo comune, sempre molto gettonato da politici, tuttologhi, media e compagnia cantando, per rappresentare a buon mercato presso l’opinione pubblica quanto ci sia di peggio nel malcostume italico dello sperpero e dell’assistenzialismo lottizzato dalla politica, è nell’affermare con il solito ritornello che il numero dei dipendenti pubblici italiani sia maggiore di qualsiasi altro paese.

Ci riferiamo alla diffusa e radicata convinzione che in Italia ci siano più dipendenti pubblici in assoluto e in continuo aumento e che una bella sforbiciata di qualche milione di addetti possa invece miracolosamente risollevare come per incanto le malesorti finanziarie del Belpaese.

Ma andiamo, attingendo dalla Ragioneria Generale dello Stato del MEF, a verificare come realmente stanno le cose in Italia, per poterle poi compararle con le situazioni dei nostri amici europei e trarne le opportune deduzioni.

Iniziamo con la situazione rappresentata nella tabella. In Italia vi sono complessivamente 3.232.954 dipendenti pubblici di cui il 44,19% uomini e 55,81% donne con contratti a tempo determinato pieno, con una quota limitata del 3,5% di part time (dati al 2013).

 

IMG_8214

 

Passiamo alla Tabella del personale delle PP.AA.dal 2007 al 2013:

 

FullSizeRender (4)

Dalla Tabella si evince che nel periodo 2007/2013 vi è stato non un incremento, ma bensì una diminuzione, passando da un massimo di 3.436.809 unità del 2008 a 3.232.954 del 2013, con un decremento di ben 203.855 addetti, pari al 5,93%. Tale diminuzione progressiva nel tempo, ha consentito di ridurre il costo totale del personale delle AA.PP. da un massimo di 169,091 Mld sostenuti dalla Stato nel 2009, a 158,207 Mld nel 2013, con un risparmio per le casse pubbliche di 10,844 Mld nel periodo, pari al 6,41%.

IMG_7329

 

E’ possibile anche constatare, nella tabella sottostante, che paesi come la Francia e il Regno Unito, con  popolazione quantitativamente simile a quella dell’Italia, abbiano una pesa complessiva (al 2012) di 267Mld e 206Mld di euro, rispettivamente superiore di 102Mld e di 40Mld a quella sostenuta dal nostro Paese.

Ora verifichiamo invece la situazione degli altri paesi europei con il criterio di rapportare la popolazione con il numero dei dipendenti pubblici:

Tabella Dipendenti Pubblici al 2010

 

Si nota immediatamente che il rapporto percentuale abitanti/numero dipendenti pubblici italiano, pari nella tabella a 5,7% in quanto riferito ai dati 2010, altrimenti rapportato al 2013 sarebbe del 5,4%, si colloca non certo ai vertici, poiché altri paesi ad iniziare dalla Svezia con il 12,36%, Finlandia 10,6%, Lettonia 10,5%, Malta 10,25%, Polonia 9,16%, Francia, Belgio e Cipro 8%, Slovenia 7,65%, Ungheria 7,6%, Irlanda 7,5% e Olanda 6,09%, hanno percentuali ben più elevate della nostra.

Praticamente l’Italia (5,7%), si colloca nella fascia “media” insieme alla Spagna che registra il 5,52% e la Germania con il 5,47%. Le più “virtuose”, se si crede che lo siano chi ha meno dipendenti pubblici in rapporto alla popolazione, troviamo  l’Austria con il 4,1%, il Regno Unito 3,41%, la Grecia (!!!) 3,3%, l’Estonia 2,9%, la Lituania 1,54%, la Bulgaria 1,09% e a chiudere la Slovacchia con lo 0,74%. Confrontando comunque questi ultimi dati con i precedenti, che indicavano il numero dei dipendenti, si evince che spesso non corrisponde un risparmio rispetto al numero in quanto le retribuzioni pro capite in alcuni paesi (es. Regno Unito) sono di gran lunga superiori a quelli sostenuti da altri (es. Italia).

Dopo la lettura di questi dati siete ancora convinti che l’Italia sia il paese con più dipendenti pubblici e più retribuiti in assoluto nell’ambito dell’Unione Europea? La prossima volta pertanto che sentirete il politico di turno tornare sull’argomento del numero sproporzionato dei dipendenti pubblici in uno dei tanti talk show nazionali, saprete poi trarne le giuste valutazioni!

Antonio M. Rinaldi

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog