attualita' posted by

LA SOLUZIONE DELL’ORDOLIBERISMO AL SURPLUS COMMERCIALE TEDESCO: GLI ALTRI DEVONO FARE AUSTERITA’…

Oggi su “Il Sole 24 ore” viene riportata un’intervista a Hans Werner Sinn, il principe dell’ordoliberismo tedesco, sullo scottante tema del surplus commerciale di Berlino.

Lo spunto è un recente articolo dell’Economist con cui si metteva la Germania sul banco degli imputati per il suo alto surplus commerciale. Il professore concorda, ma qual’è per lui la causa di questo surplus ? Semplicmente il fatto che gli altri paesi, USA in testa, spendono troppo.

Sinn dice , testualmente:

 

“A mio parere, una delle ragioni principali è l’indebitamento estremo e la dissipatezza di bilancio del Governo
federale americano. La politica monetaria accomodante  portata avanti dalla
Federal Reserve ha sostenuto artificiosamente l’economia americana, costruita a sua volta su prestiti al consumo
e mutui immobiliari senza garanzie. Gli Stati Uniti hanno potuto vivere al di sopra dei loro mezzi vendendo obbligazioni denominate in dollari al mondo intero perché il dollaro è la principale valuta di riserva a livello
globale.”

Insomma la colpa del suplus tedesco è sempre degi altri. Leggete una riga sul problema della sopravvalutazione dell’euro ? No! Non crediate che sia finita , perchè ce n’è anche per noi poveri e sporchi mediterranei, o , dal suo punto di vista di austero nordico, mediterronei:

 

“Quando è arrivata la crisi finanziaria, i Paesi del Sud Europa hanno approfittato del loro diritto di stampare moneta, prendendo in prestito dall’Eurosistema, di fatto, i soldi che non erano più in grado di prendere in prestito dai mercati. Hanno usato quel denaro per ripagare i vecchi debiti, continuare ad acquistare beni e acquistare immobili e altre attività all’estero.

Maledetti paesi del sud Europa che si sono indebitati per comprare la BMW da noi austeri tedeschi! Dovevate andare a piedi !! Naturalmente perchè sono i prodi tedeschi che finanziano gli acquisti…..

“Inoltre, la Bce prometteva una tutela gratuita, attraverso il meccanismo delle operazioni definitive monetarie (outright monetary transactions), per quegli investitori privati che si prendevano il rischio di continuare a mettere soldi nel Sud Europa.”

” La verità è che circa la metà delle attività estere nette accumulate dalla Germania grazie alle sue eccedenze nel saldo con l’estero ormai comprende semplici crediti verso il Target”

Quello che dice l’austero ed ordoliberista prof. Sinn ha la stessa qualità delle centraline elettroniche della VW, cioè sono un mare di PALLE! E qusto è facile da dimostrare. Prima di tutto il programma OMT del 2012 , finalizzato alla gestione degli equilibri di carattere monetario, NON riguardava acquisti sul mercato primario (cioè non finanziava l economie) ma secondario, ed inoltre ha riguardato solo due paesi, Portogallo ed Irlanda. Vedere l’Irlanda trasferita nel Mediterraneo ci farebbe piacere, ma non è così, e la sua crisi fu dovuto essenzialmente alle banche inglesi. Gli aiuti al Portogallo furono minimi, anche per le dimensioni della sua economia. Grecia e Cipro erano candidati ad utilizzarlo, ma non lo fecero mai. Di che blatera il professor Sinn?

In quanto al Target 2 sono una parte degli squilibri, per l’Italia minima , deriva dallo sbilancio delle partite correnti. Il grosso è composto da squilibri tecnici, per l’effettuazione delle operazioni di QE, oppure a movimenti di capitali VERSO la Germania, cioè da crediti che gli italiani vengono ad avere VERSO il sistema tedesco. Però il professore pare ignorarlo. Che la Bundesbank non ritenga Target  2 un credito è ovvio, visto che ormai ci si è spellata la gola a furia di spiegare che NON è un debito! Ed inoltre che se ne fa di crediti o debiti una Banca Centrale ?

Ed ecco, infine , la cura ordoliberista :

” Per prima cosa, la Germania potrebbe introdurre ammortamenti accelerati per gli investimenti privati, come ha suggerito il presidente dell’Ifo: in questo modo, una parte dei capitali che attualmente fluiscono verso altri Paesi verrebbe dirottata verso impieghi interni.
In secondo luogo, i Paesi del Sud dell’Eurozona e gli Stati Uniti potrebbero finalmente tornare a una politica di gestione disciplinata del debito. Questo ridurrebbe le importazioni – e di conseguenza i deflussi di capitale, misurati dal surplus delle partite correnti – dalla Germania. In particolare, la Fed e la Bce
devono mettere fine alle loro politiche monetarie accomodanti (specialmente i pacchetti di salvataggio e le garanzie della Bce, che dirottano artificiosamente capitali verso il Sud Europa)”

Qui raggiungiamo il culmine. La cura è:

  • niente investimenti pubblici in Germani, ma solo investimenti privati. Se i ponti cadono è un problema dei ponti, che si facciano privatizzare Un’ottica veramente miope, perchè inoltre non considera che gli investimenti pubblici, specialmente nelle ricerca e nelle infrastrutture, sono LA BASE della competitività del privato.
  • austerità per tutti i paesi Kattivi indebitati e che soffrano e la smettano di comprare BMW e Mercedes, e vadano a piedi;
  • e la BCE la smetta di aiutare questi morti di fame e mandi i tassi di interesse alle stelle, così che i ricchi saranno più ricchi .

Caro Prof. Sinn le faccio notare che i “Programmi di aiuto” o non ci sono (il QE ha comprato essenzialmente titoli franco tedeschi) o sono stati disastrosi per i paesi che li hanno accettati, vedi Grecia, dove i soldi della BCE sono serviti a rimborsare istituti di credito tedeschi e francesi. La sua cura è la riproposizione , peggiorata , della cura Monti del 2012, che si ci riportò in avanzo commerciale, ma che ha provocato un’impennata mai risolta nel numero dei poveri ed ha dato un colpo durissimo al nostro sistema industriale.

Caro professore , le do una cura più semplice: vi ridiamo il Marco , rivalutato del 20%, così noi , poveri mediterranei, potremo comprarci le scarse Fiat ed Alfa Romeno, e voi tedeschi vi potrete godere le lussuose e perfette, anche come software, Mercedes e VW. Scommette che in 2-3 anni avremo risolto sia il problema del surplus commerciale, sia quello del debito ?

Su , perchè non ci lasciate andare ? Che cosa frena la Germania dal cacciare l’Italia dalla UME ? Forse il fatto che, dopo, non stareste dietro alla nostra concorrenza ? Non siete forse così perfetti, come le vostre auto che emettono acqua di Colonia ?

Sinceramente sono stupito che il “Sole”, un tempo giornale serio, ospiti questa rumenta .. Ah si, ma da spazio anche allo stridulo Oscar ed al suo circo equestre ….

 

 

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog