attualita' posted by

La Russia media un cessate il fuoco fra Armenia e Azerbaigian

Finalmente una buona notizia dal Caucaso. L’Armenia e l’Azerbaigian hanno deciso di fermare le ostilità nel Nagorno-Karabakh contestato dopo i colloqui della maratona a Mosca, ha detto il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov. L’armistizio entrerà in vigore a mezzogiorno del 10 ottobre.
L’accordo è stato raggiunto durante le consultazioni trilaterali che hanno coinvolto i ministri degli esteri delle due parti in conflitto, Armenia e Azerbaigian, e Lavrov, che ha agito come mediatore. I negoziati sono durati circa 10 ore e si sono conclusi nelle prime ore del sabato, ora locale.

Baku e Yerevan hanno deciso di sospendere tutte le azioni militari, a partire da mezzogiorno di sabato, per motivi “umanitari”. La pausa dei combattimenti consentirà di scambiare i prigionieri catturati e di scambiare i corpi dei soldati caduti in prima linea, ha detto Lavrov ai media.

Chi poteva raggiungere un accordo se non la Russia, alleata dell’Armenia e superpotenza dell’area caucasica? Lavrov ha messo sicuramente sul tavolo un potenziale intervento di Mosca al fianco dell’alleato armeno contro il quale ben poco avrebbero potuto fare le forze azere, anche appoggiate dai mercenari turco siriani e dai droni e mezzi aerei messi a disposizione da Ankara.

Questo c’è stata il fuoco, nei desideri di Mosca, dovrebbe essere la preparazione per un accordo di pace definitivo fra le due parti. Per la diplomazia russa sarebbe un successo molto importante, che verrebbe ad innescare uno dei molti fronti di scontro con la Turchia. Inoltre sarebbe la dimostrazione delle capacità dissuasive e di intervento russe nella regione. Comunque russi e turchi continuerebbero ad affrontarsi in tutti gli altri fronti ancora aperti fra le due parti, cioè in Libia e in Siria. Qui non sono ancora visibili soluzioni definitive al conflitto.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal