Seguici su

Attualità

La Norvegia incrementa l’allerta militare nei confronti della Russia

Pubblicato

il

 

Come ha scritto il Guardian, “la Norvegia sta aumentando il livello di allerta delle sue forze armate, trasferendo più personale a compiti operativi e rafforzando il ruolo di una forza di mobilitazione rapida in risposta alla guerra in Ucraina – anche se il primo ministro ha detto che non c’è motivo di credere che la Russia abbia intenzione di invadere“.

Questa è la situazione di sicurezza più grave degli ultimi decenni“, ha dichiarato il primo ministro norvegese Jonas Gahr Støre durante un briefing. Ma ha aggiunto un’avvertenza fondamentale: “Non ci sono indicazioni che la Russia stia espandendo la sua azione di guerra ad altri Paesi, ma l’aumento delle tensioni ci rende più esposti alle minacce, alle operazioni di intelligence e alle campagne di influenza“.

È interessante notare che l’innalzamento del livello di allerta sembra essere legato alla preoccupazione di spie russe che potrebbero compromettere strutture sensibili nel Paese: Diversi cittadini russi sono stati arrestati in Norvegia nelle ultime settimane, soprattutto perché in possesso di droni o perché avrebbero fotografato soggetti coperti da segreto. La maggior parte è stata poi rilasciata. Inoltre esistono dichiarazioni ufficiali russe che rendono le relazioni con la Norvegia ancora più complesse.

Oslo è ora tra i più attivi sostenitori del coinvolgimento della NATO nell’Artico“, ha dichiarato mercoledì la portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova. “Consideriamo questi sviluppi vicino ai confini russi come il deliberato perseguimento da parte di Oslo di un percorso distruttivo verso l’escalation delle tensioni nella regione euro-artica e la distruzione finale delle relazioni russo-norvegesi“.

Zakharova ha inoltre avvertito che qualsiasi futura “azione ostile sarà seguita da una risposta tempestiva e adeguata“. Un avvertimento piuttosto chiaro.

Le nazioni europee hanno rafforzato le misure di sicurezza intorno alle infrastrutture chiave per l’energia, internet e l’elettricità dopo che esplosioni sottomarine hanno rotto due gasdotti nel Mar Baltico costruiti per trasportare il gas russo in Germania.

L’ambasciata russa a Oslo ha affermato che le autorità locali hanno sfruttato gli avvistamenti di droni e navi, nonché gli incidenti che hanno coinvolto russi con telecamere, per alimentare una “mania di spionaggio”.

Per quanto riguarda la Norvegia, la scorsa settimana il governo ha imposto nuove sanzioni a funzionari e aziende russe di alto livello. Sono stati colpiti almeno 30 individui e sette entità russe.

“Ancora una volta stiamo agendo di concerto con l’UE per imporre sanzioni alla Russia, al fine di mantenere la pressione sul governo russo e sui suoi sostenitori”, ha dichiarato venerdì scorso il ministro degli Esteri Anniken Huitfeldt in una conferenza stampa.

Quindi anche il fronte artico inizia a scaldarsi, alla vigilia di un inverno che rischia di essere  caldo per le relazioni internazionali.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito