euro posted by

La Germania sta esagerando: Schauble vorrebbe un default della Grecia senza però farla uscire dall’Euro! Dove siamo nella sfida con Atene

Notizia apparsa sulla stampa e come al solito non evidenziata sui media tacendo le possibili conseguenze, enormi: la Germania vorrebbe far fare default alla Grecia senza però farla uscire dall’euro. Ossia, renderla schiava del proprio debito sine die nonostante l’onere di un fallimento sovrano.

FireShot Screen Capture #123 - 'Paesi Ue a rischio default_ Berlino studia piano per non accollarsi i debiti - Il Sole 24 ORE' - www_ilsole24ore_com_art_finanza-e-mercati_2015-06-13_paesi-ue-rischio-de

Non ci riuscirà. Prima di tutto un appunto sul ministro delle finanze tedesco, potentissimo: fu il successore di H. Kohl nella destra germanica, anche lui dovette dimettersi per lo scandalo dei finanziamenti al partito ma riuscì a restare in sella. E questo perchè a buon titolo rappresenta l’anello di congiunzione tra gli interessi del sistema industrial-finanziario tedesco (più quello industriale) con la politica, ossia proprio di quegli ambiti che non possono permettere una rottura della moneta unica, ne andrebbe del benessere germanico come lo hanno conosciuto negli ultimi 7 anni (ricordate le svalutazioni competitive della lira nel ’94? Quelle che fecero tanto male all’export tedesco per intenderci…). Per assurdo Angela Merkel è un semplice politico di facciata, nel senso che ci mette la faccia: Schauble rappresenta invece le radici del sistema tedesco occidentale pre-caduta del muro, con tutti gli annessi e connessi in termini di appartenenza, conoscenze, interessi, network e via dicendo. Persona potentissima il ministro delle finanze teutonico, che ha per altro piena conoscenza dei sistemi di intelligence di Berlino essendone stato a capo, per altro (…).

Bene. Come asserito in precedenti interventi la Germania NON può permettersi che nessno esca dall’euro pena la morte a termine della sua creatura incentrata sulla moneta unica, essa stessa una semplice elaborazione in chiave moderna del piano Funk di memoria hitleriana. Dunque, chi scrive ritiene che avendo ben chiaro il fine – giammai fare morire l’euro –  si arriva al parossismo di cui alle dichiarazioni dello Spiegel riferite a Schauble: come volere la botte piena e la moglie ubriaca! Il sottoscritto ha suggerito da almeno due anni – conoscendo molto bene il mondo industriale tedesco – che la Germania è e resta ricattabile sull’euro, non permetterà che nessuno esca. O meglio, se lo dovesse fare avrebbe perso la terza guerra di fila, stile folle invasione della Russa via Stalingrado [per arrivare ai giacimenti petroliferi azeri, al tempo i più prolifici del pianeta – anche in quel caso tutto avvenne per interessi economici, ndr]. Dunque, ora che la Grecia non vuole altri soldi dall’EU ma solo l’uscita dall’euro o in alternativa il taglio del 50% del proprio debito – in gran parte accumulato a seguito delle stupide politiche di austerity imposte dallo stesso Schauble via troika – ecco che siamo arrivati all’epilogo, folle: Schauble cerca di negare la sua propria sconfitta e quella della Germania austera (con gli altri) nella prima guerra economica del III millennio. Si noti che qualsiasi sia la strada che verrà seguita dall’Europa nella partita con Atene il gioco cambierà a partire da due settimane a questa parte.

Ben inteso, uscendo dall’euro l’effetto per la Grecia sarebbe quello di vedersi tagliato il debito di circa il 50%:

– o via accordo coi creditori

– o via svalutazione della valuta, che porterebbe una ridenominazione del debito in un valuta svalutata almeno del 50%.

Sono per altro convinto che all’ultima ora dell’ultimo giorno verrà trovato un accordo per scongiurare un’uscita della Grecia dalla moneta unica, ritengo quindi il taglio del debito sia alla lunga l’ipotesi più probabile ma comunque tale accordo dovrà rimanare abbastanza segreto almeno nei dettagli in modo da evitare che i partners EU più deboli richiedano essi stessi delle deroghe. In questo contesto, forse escludere dalle trattative con la Grecia l’Italia, altro paese ad alto debito e in forte crisi [ma al contrario degli ellenici ricchissimo di risparmio privato ed imprese] non sembra casuale.

Detto questo, quanto afferma lo Spiegel è gravissimo: significherebbe che la Germania la partita pur persa vorrebbe cercare di vincerla, ma con una forzatura anche legalmente dubbia. Chi mi segue sa che il sottoscritto ritiene una svolta autoritaria ad Atene assolutamente possibile sebbene per ora non probabile a causa del mancato supporto – che diventa veto lato britannico – da parte degli USA. Per adesso.

Sta di fatto che l’Italia dovrebbe imparare da Tsipras. Si, dovrebbe imparare a non fidarsi dei tedeschi, alla fine come sempre guardano solo ai propri interessi e quando il gioco scappa di mano diventano scorretti. Oggi sono solo scorretti, 70 anni fa diventarono anche assassini, o almeno così dicono i nipoti di quelli inceneriti nei campi di sterminio.

Vedremo. Speriamo che Renzi si svegli e faccia qualcosa. Il giovane fiorentino deve capire che è sulla graticola, se non fa niente cadrà e non resusciterà: il Belpaese ha l’equivalente di un’arma termonucleare in senso economico, ossia la possibilità legale di riconvertire i propri BTP i valuta nazionale, ad esempio in nuova lira. E pagando prima il debito estero nessuno potrebbe nemmeno eccepire… L’occasione è propizia per denunciare il fatto che la Germania sta conducendo la trattativa ellenica a suo unico beneficio, restando però con il cervello a rimembrare gli effetti delle quote degli immigrati che possono andare all’estero… Della serie, caro Renzi, sei alla frutta, adesso devi cercare il sostegno degli italiani e per fare questo devi andare contro l’EU e, aggiungo io, usare l’arma formidabile che hai, ossia denunciare che l’Euro e le politiche austere hanno mandato la Grecia nel baratro e faranno lo stesso con l’Italia!

L’Italia è il vero obiettivo di questa guerra piscologica con Atene, la Grecia uscendo dall’euro e non avendo industrie in grado di competere all’estero non spiazzerebbe i prodotti tedeschi come invece potrebbe fare l’Italia tornando alle svalutazioni competitive.

A me tutto torna.

Vedremo all’ultima ora se ci sarà il colpo di scena ad Atene. O il colpo di Stato…

Mitt Dolcino

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog