attualita' posted by

Pressione fiscale reale e ideale, ecco perché i concorrenti ci battono sul mercato: la curva di Laffer

Scritto da Marco Cristofoli

LA CURVA DI LAFFER 

 

Cos’è la curva di Laffer

La curva di Laffer è un grafico che Arthur Laffer disegnò su un tovagliolo di carta durante un pranzo con Ronald Reagan, artefice poi della ripresa economica degli Stati Uniti d’America di quel periodo.

Questo diagramma mette in relazione sulle ascisse la pressione fiscale di uno Stato e sulle ordinate la sua economia, l’occupazione ed il gettito fiscale.

Io questo diagramma l’ho ripreso, l’ho calcolato e riempito di dati sulla nostra economia quella italiana, potremmo a questo punto chiamarlo il “Diagramma di Marco”, anche perche questo non è piu’ solo un diagramma ma è un opera d’arte, si potrebbe incorniciarlo farne un quadro ed appenderlo in tutte le scuole, soprattutto in quelle dove si studia l’economia.

Ad un primo sguardo possiamo notare che questo grafico, questo diagramma, questa curva, è divisa in tre blocchi sulla base delle ascisse. Il blocco destro dove la pressione fiscale è in eccesso, il blocco sinistro dove la pressione fiscale è in difetto ed il blocco centrale, dove la linea della curva diventa verde, il blocco dove la pressione fiscale è quella ideale.

Ora andiamo a vedere cosa succede se la nostra pressione fiscale è in eccesso, in difetto o ideale 

 

curva di Laffer

BLOCCO DESTRO della curva di Laffer: pressione fiscale in eccesso 

Il blocco destro è quello della pressione fiscale in eccesso, se la pressione fiscale è in eccesso, lavoratori e cittadini avranno pochi soldi in tasca, perche le pensioni ed i salari saranno molto bassi, per lo stesso motivo, una pressione fiscale molto alta sulle imprese, genera prezzi molto alti, di conseguenza ci sarà poca economia, poca occupazione, perche le imprese con basse vendite, bassi fatturati, bassa competitività sia in Italia che all’estero, licenzieranno, delocalizzeranno la produzione all’estero o chiuderanno. In pratica con una pressione fiscale in eccesso si va verso la recessione.

Quello che possiamo notare osservando il blocco destro della curva è che noi non abbiamo le imposte un po piu’ alte del necessario, un po piu’ alte degli altri, ma sono tre volte il necessario e due volte superiori al resto del mondo, stiamo proprio in una situazione di ipertassazione aggravata. 

Infatti possiamo osservare che un lavoratore paga complessivamente tra reddito e consumi l’86% di imposte invece del 28% e un impresa il 64,8% invece del 8% e precisamente :

Reddito : Irpef 26% (valore medio) + Inps 33% (51%) 

Consumi : Indirette sui prezzi 64,8% + Iva 22% + Locali 3% (72%) 

Totale complessivo = 86%

Mentre per le imprese è il 64,8% la pressione fiscale media, l’imprenditore arriva a pagare 7 volte le imposte sullo stesso importo, il reddito lordo aziendale, per un totale di 93%, mentre pensionati e disoccupati pagano solo le imposte sui consumi, rispettivamente 76% e 71%, una vera e propria follia.

Ma vediamo nello specifico quali sono le conseguenze di una pressione fiscale cosi folle :

  1. I salari sono da fame -63%
  2. Le pensioni sono da fame -38%
  3. I prezzi vanno alle stelle +40%
  4. Diminuisce il potere d’acquisto -58% e crollano i consumi, la domanda interna
  5. Le imprese non sono competitive, non esportano, non vendono, non fatturano, licenziano, delocalizzano e chiudono
  6. Aumenta la disoccupazione fino ad oltre il 30%, meno contribuenti, 20 mln invece di 30 mln
  7. Aumenta la tassazione sulla spesa pubblica 388 MLD di imposte su 870 MLD di spesa il 44%
  8. Crolla il gettito fiscale e lo Stato dovrà fare deficit aumentando il nostro debito pubblico
  9. Crolla il Pil, aumenta il debito, aumenta il Rapporto Debito/Pil ed il rapporto Spesa/Pil
  10. Aumenta l’evasione fiscale sia quella di sopravvivenza dei piccoli che quella di arricchiento dei grandi, aumentano le imposte anche sugli sprechi, sulle ruberie, sulle regalie
  11. Aumentano i crediti bancari, 1.800 MLD di eu anno invece di 800 MLD o meglio ancora 36 MLD, perche un popolo lasciato senza soldi va in banca a faseli prestare
  12. Crollano le nascite, perche le coppie senza soldi non fanno figli
  13. Crolla il tessuto industriale, la sicurezza sul lavoro, la qualità dei prodotti

VORRESTI CAPIRNE DI PIÙ
SENZA FARE FATICA?Libro economia spiegata facile best sellerCOMPRALO SUBITO


Il sistema necessita di manovalanza a basso costo estero a danno dei lavoratori italiani

Mancano i soldi destinati ai servizi essenziali, pensioni sociali, di invalidità, disoccupazione, sanità, infrastrutture, sicurezza, trasporti, bonifica e riqualificazione del territorio, degli immobili.

Ecco cosa succede quando si va oltre la pressione fiscale ideale, che io ho determinato per la nostra economia nel 42%, tra reddito e consumi, mentre noi stiamo al 86% il 105% di quella che dovremmo avere, quando la media delle economie mondiali sta sotto il 50%, che è comunque una media piu’ alta del necessario, ma mai folle come la nostra.  

Ecco perche i nostri competitors storici, come il Giappone, ha 3 volte il nostro Pil, la Germania il doppio, Inghilterra, Francia, ci hanno superati da tempo, stiamo al 13° posto nelle economie mondiali invece che al 6° con 1.800 MLD di Pil invece che 3.500 MLD, mentre Usa, Cina, India, Russia, viaggiano su altre economie per le dimensioni del loro territorio e il numero degli abitanti. Se avessimo una Europa indipendente e realmente unita potremmo creare un blocco economico molto interessante, andando a competere con i colossi economici mondiali e con la nostra moneta.

 

BLOCCO CENTRALE della curva di Laffer: fiscalità ideale

Il blocco centrale determina la pressione fiscale ideale, che determina la massima economia, l’occupazione piena, il massimo gettito fiscale possibile, il massimo reddito procapite, la massima competitività ed esportazione delle nostre imprese. 

Il blocco centrale, quello che delimita il range minimo e massimo della pressione fiscale ideale, evidenziato dal tratto della curva in verde, ha due limiti percentuali. Il 42%, che è la pressione fiscale minima che si può ottenere col nostro sistema fiscale, chiamato a fondo perduto in quanto retto dalle imposte, imposizioni di pagamento, e la “fiscalità a scambio” (28%), dove non esistono imposte, imposizioni di pagamento, ma il cittadino, il lavoratore paga le imposte quando compra i servizi che sono tutti gestiti dallo stato, paga meno e quando paga, paga anche le tasse che non pagherà piu’ su reddito e consumi, andando a favore, e ad incrementare l’economia.

LA FISCALITA’ A SCAMBIO (28%)

Luce, gas, telefono, web, acqua, rifiuti, poste, trasporti, autostrade, carburanti, servizi bancari ed assicurativi, radio e televisione pubbliche, sanità privata e convenzionata, grande distribuzione alimentare organizzata, e molto altro, oggi fanno utili per 150 MLD di eu anno aprofittando della vendita di beni e servizi essenziali, utili che oggi finiscono nelle tasche di privati collusi, faccendieri, politici, cooperative, associazionismo e sempre piu’ spesso le mafie. 

Se a questi 150 MLD aggiungiamo i 50 MLD delle imprese strategiche, oggi quasi tutte privatizzate, ed il terzo settore, tutto privato, che incamera 75 MLD e ne spende solo 25 di MLD l’anno per la solidarietà, arriviamo a 250 MLD di utili di stato anno. Questi utili, che vengono scalati dalle imposte dei cittadini, riuscendo ad ottenere quel 28% di pressione fiscale minima complessiva, saranno anche il preludio di un futuro “reddito da utili di stato”, dove lavoreranno le macchine, i redditi delle macchine verranno ridistribuiti dallo Stato ai cittadini in base al reddito, i cittadini spenderanno nel loro tempo libero questo denaro percepito, per l’acquisto dei prodotti delle macchine, ed il ciclo economico si chiude. Questo sistema è chiamato “Fiscalità a scambio” dove non un solo centesimo di denaro viene versato dai cittadini allo stato senza ricevere in cambio un bene o un servizio.

Come cambia la pressione fiscale con questo sistema ?

Reddito : Irpef 0% (valore medio) + Inps 20% (20%) 

Consumi : Indirette sui prezzi 8% + Iva 0% + Locali 1% (9%) 

Totale complessivo = 28%

Utili di stato 250 MLD

550 MLD di euro rimessi nelle tasche di 60 milioni di cittadini e 5 milioni di imprese, 763 Eu mese a cittadino, 1.950 Eu mese a lavoratore.

Mentre per le imprese sarà l’8% di pressione fiscale media, una delle piu’ basse al mondo.

 


CERCHI IL MODO PIÙ FACILE E IMMEDIATO
PER CAPIRE L’ECONOMIA?

Libro economia spiegata facile best seller

ACQUISTALO ADESSO


LA FISCALITA’ IDEALE A FONDO PERDUTO (42%)

Per quanto riguarda invece la fiscalità ideale a fondo perso, la percentuale del 42% complessiva è raggiungibile con una rivoluzione fiscale, unita ad una riforma drastica dell’Inps. 

L’Inps paga 64 MLD di eu anno di assistenza, a persone che non hanno mai versato i contributi, che andrebbero spostati alla fiscalità generale. Poi paga 70 MLD di eu di eccessi erogativi per le pensioni d’oro, i vitalizi, le baby pensioni, le pluripensioni, e tutte le pensioni retributive, pagate a persone che non hanno versato sufficenti contributi per tali pensioni e che andrebbero ricalcolate tutte al contributivo. Ci penserà la fiscalità generale con una “Pensione di Base fiscale” di 1.000 Eu al mese, dedicata all’assistenza, a compensare anche tutte quelle pensioni ricalcolate dal retributivo al contributivo che risultassero troppo basse. Per esempio una pensione di 1.300 Eu mese al retributivo che si trasforma a 800 Eu mese col contributivo, viene integrata da 800 Eu di pensione di base fiscale che la riporta a 1.600 Eu mese, piu’ alta della precedente, il 20% in piu’, e cosi via. Mentre la pensione d’oro piu’ alta d’Italia, che è di 92 mila euro al mese, verrà ricalcolata a 7.000 Eu mese, immettendo 85 mila eu al mese alle pensioni piu’ basse, e cosi via. Con questa riforma, si potrà anche ridurre il contributo Inps da pagare ogni mese sul reddito, dal 33% al 20%, rimettendo il 13% di reddito in piu’ ai lavoratori contribuenti, 30 milioni di contribuenti invece che 20 milioni.

Come cambia la pressione fiscale con questo sistema (42%) ?

Reddito : Irpef 5% (valore medio) + Inps 20% (24%) 

Consumi : Indirette sui prezzi 20% + Iva 5% + Locali 1% (24%) 

Totale complessivo = 42%

400 MLD di euro rimessi nelle tasche di cittadini ed imprese, 555 Eu mese a cittadino, 1.666 Eu mese a lavoratore.

Ma come si fa a passare dalla nostra pressione fiscale attuale, 86%, a quella ideale, 42%, senza avere ripercussioni economiche, di bilancio, trovando tutte le risorse, le famose coperture ?

Come abbiamo potuto vedere, il sistema fiscale non puo’ prelevare i soldi ai cittadini a vanvera, non è che se il Giappone preleva il 48% e noi l’86% è uguale, è una nostra scelta, o noi siamo diversi da loro. Assolutamente no, siamo uguali, il sistema fiscale è complesso ed è tutto collegato, imprese, lavoratori, contribuenti, pensionati, disoccupati, economia, gettito fiscale, spesa pubblica. Perche piu’ prelevi, meno sarà l’economia, meno l’occupazione, meno i contribuenti, meno il gettito fiscale, piu’ tassata la spesa pubblica, mentre se prelevi troppo poco, avrai alta economia, alta occupazione, il massimo dei contribuenti, piu’ alto il gettito fiscale, meno tassata la spesa pubblica, ma se la percentuale è troppo bassa, sotto il 28% complessivo, lo Stato rischia comunque di non avere il denaro necessario, per questo esiste un equilibrio, che è contabile, matematico, scientifico, non dipende se hai gli occhi a mandorla o a noce, ed è proprio questa la funzione del diagramma di Laffer, calcolare e dimostrare questo equilibrio, spiegarlo.

Portando la nostra pressione fiscale dal 86% al 42%, si liberano 400 MLD di eu anno, ogni anno e per sempre che finiscono nelle tasche di 60 milioni di cittadini e 5 milioni di imprese, non a qualche migliaio di faccendiere, politico, privato colluso, associazione, che si spartiscono il bottino del Pnrr, Recovery Fund e Mes, 270 MLD una tantum, in 10 anni, fatti da soldi nostri versati all’Europa che ci restituisce tali somme sotto forma di prestito ad interesse e che non andrà ad incidere per nulla sulla nostra economia, come vogliono farci credere, perche l’economia riparte se il denaro va a 60 mln di cittadini e 5 mln di imprese, non ai solti noti, che sono pochi, che spendono e portano i propri soldi all’estero.

a) Se tagli del 50% la pressione fiscale, anche la spesa pubblica pagherà meno tasse, sulle fatture fornitori e sui salari pubblici, i 388 MLD di eu che paga oggi lo Stato di tasse sulla spesa pubblica diventeranno 192 MLD, portando la nostra spesa pubblica da 870 MLD a 678 MLD con gli stessi identici servizi di pirma. Avremo quindi un risparmio di 192 MLD.

b) Se rimetti 400 MLD di eu in tasca a cittadini ed imprese, avrai già dal primo anno, come minimo, un extragettito fiscale di 168 MLD di eu anno. Avremo quindi 168 MLD di extragettito che prima non c’era.

Ora se ad un taglio fiscale di 400 MLD andiamo a togliere 192 MLD di eu di risparmio delle tasse sulla spesa pubblica che non devono essere piu’ versati, e andiamo ad incrementare il nostro gettito fiscale di 168 MLD di eu anno, avremo un saldo di 40 MLD, che sono il nostro deficit che facciamo ogni anno, il 2,3% del nostro Pil, che andranno a portare l’operazione a pareggio di bilancio :

400 taglio – 192 risparmio tasse spesa – 168 extragettito – 40 deficit = 0 Paeggio di bilancio

Questo vale per il primo anno, nel secondo e terzo anno si recupera il deficit e lo si ripaga, dal quarto anno in poi andremo solo in avanzo di gettito, da 220 a 275 MLD di eu anno, da utilizzare per la spesa pubblica o per iniziare a ripagare il nostro debito pubblico e gli interessi che paghiamo.

Ma cosa succede nel dettaglio con queste riduzioni drastiche della nostra pressione fiscale ?

  1. Aumenta il gettito dai consumi, tasse indirette ed iva, pensioni +38%, salari +63%
  2. Aumenta il gettito sulle imposte dei fatturati delle imprese
  3. Aumenta il gettito sul reddito, Ipref ed Inps dei nuovi assunti
  4. Aumenta il gettito fiscale sui nuovi consumi dei nuovi salariati, tasse indirette ed iva
  5. Diminuiscono i prezzi del 40% ed aumenta il potere d’acquisto dal 14% al 72%
  6. Diminuiscono del 50%/70% le tasse che paga lo stato sulla spesa pubblica -192/282 MLD di eu.
  7. Diminuisce l’evasione fiscale per necessità ed anche quella per elusione dei grandi gruppi.
  8. Aumenta l’occupazione fino a quasi piena, piu’ contribuenti, 30 mln invece di 20 mln.
  9. Aumenta il gettito fiscale e lo Stato non dovrà fare piu’ deficit aumentando il nostro debito pubblico
  10. Aumenta il Pil, si riduce il debito, diminuisce il Rapporto Debito/Pil e Spesa/Pil
  11. Crollano i crediti bancari, da 1.800 MLD di eu anno a 800 MLD o meglio ancora 36 MLD
  12. Aumentano le nascite di 143.000 nati anno, perche le coppie benestanti fanno figli
  13. Si ricostituisce il tessuto industriale, aumenta la sicurezza sul lavoro, la qualità dei prodotti
  14. Il sistema non necessita piu’ di manovalanza a basso costo estero a danno dei lavoratori italiani
  15. Ci saranno piu’ i soldi destinati ai servizi essenziali, pensioni sociali, di invalidità, disoccupazione, sanità, infrastrutture, sicurezza, trasporti, bonifica e riqualificazione del territorio, degli immobili.

BLOCCO SINISTRO della curva di Laffer: fiscalità in difetto

Nel blocco di sinistra, quello della fiscalità in difetto, quello dove le imposte sono troppo basse, non sufficenti, possiamo notare che avremo si il massimo dell’occupazone, il massimo dell’economia, ma avremo anche due problemi. Il primo sarà quello di un gettito fiscale insufficente, cioè lo Stato non avrà il denaro per pagare tutti i servizi della comunità, il secondo sarà quello che, non essendoci un adeguato ritiro di denaro dalla circolazione, perche l’unica funzione delle imposte e tasse è proprio questa, soprattutto il denaro in eccesso, in eccesso da esportazione, da buona economia, da alta domanda interna, si potrà andare in inflazione o iperinflazione, cioè il troppo denaro diminuisce di valore dello stesso e fa aumentare i prezzi dei prodotti e servizi al consumo.

E questa la dedichiamo a tutti quei monetaristi, che pensano che si possano eliminare le tasse, stampando moneta a vanvera, dove lo Stato stampa e paga tutto e tutti, cosi non lavora piu’ nessuno e si va in iperinflazione e bancarotta, o magari con una criptomoneta privata, togliendo di mezzo lo stato, cosi scuole, strade, trasporti, ospedali, forze dell’ordine, esercito, servizi, pensioni, saranno tutti a pagamento e privati, e chi non lavora affari suoi, la dove ci stiamo dirigendo oggi.

 

Curva di Laffer

Marco Cristofoli Moneta Pubblica Italia sociale & Cristiana


 

PRIMA DI OGGI
NON È MAI STATO COSì FACILELibro economia spiegata facile best seller
ACQUISTALO ADESSO


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal