attualita' posted by

La crisi energetica è sempre più grave, e gli stati non vedono via d’uscita

L’iperinflazione, o meglio la super-stagflazione,  dei prezzi europei del gas e dell’elettricità sta diventando ogni giorno più surreale.

Due giorni dopo aver affermato che i prezzi europei del gas naturale e dell’energia elettrica hanno raggiunto la velocità di fuga dopo che la Russia ha tagliato nuovamente le forniture, i prezzi sono balzati a nuovi record, segnalando che la carenza di forniture non farà che peggiorare proprio quando la fredda stagione invernale inizia venerdì.

Il gas naturale olandese per il prossimo mese, il punto di riferimento europeo, è salito del 13,4% a 98,23 euro per megawattora. Anche il contratto del Regno Unito è salito del 17,4% a un nuovo massimo di 252,53 pence a termine. Entrambi i contratti hanno più che raddoppiato il prezzo nell’ultimo mese. La potenza tedesca per il prossimo anno è aumentata del 12% a 132 euro per megawattora, mentre l’equivalente francese ha guadagnato il 10,3% a 135,50 euro per megawattora. Entrambi hanno raggiunto livelli record giovedì. Convertiti in equivalenti del prezzo del petrolio, questi sono prezzi che si avvicinano rapidamente a $ 200/barile.

Questo conduce alla crescita dei prezzi di una miriade di beni di largo consumo e non pare che ci sia una soluzione a breve al problema, come  Bloomberg scrive oggi.

Non aiutando la situazione già critica, i flussi di gas russo verso il terminal tedesco di Mallnow sono nuovamente diminuiti, pareggiando il parziale recupero di ieri. I rifornimenti tramite la principale via di transito sono circa un terzo in meno rispetto all’inizio della settimana. E come osserva Bloomberg, “anche le utility europee che cercano di acquistare più carbone dalla Russia saranno deluse poiché è probabile che le esportazioni siano limitate”, almeno fino all’apertura ufficiale del Nord Stream 2.

E mentre i banchieri centrali hanno speso gran parte della giornata di ieri per convincere il pubblico quanto sia transitoria l’iperinflazione delle materie prime, i consumatori devono pagare bollette energetiche astronomiche in questo momento, e non sono affatto entusiasti della prospettiva di bollette che potrebbero essere cinque o più volte superiori. Peggio ancora, i prezzi stanno per aumentare ulteriormente poiché i vincoli hanno colto alla sprovvista il mercato, proprio mentre i paesi stanno per iniziare a prelevare il gas in stoccaggio. Le azioni europee sono ai minimi da oltre un decennio per questo periodo dell’anno

“Non avevamo previsto l’arrivo di questi prezzi”, ha dichiarato mercoledì Alex Grant, vicepresidente senior di Equinor ASA, in una conferenza a Londra. “Nei prezzi c’è un premio di rischio per ciò che potrebbe accadere in futuro e il rischio dipende ancora molto dalla fornitura di gas”.

Nel frattempo, il primo ministro francese Jean Castex dovrebbe annunciare questa sera le misure che il governo intende mettere in atto per mitigare l’aumento dei prezzi dell’energia

Con la crisi energetica che porta a una diffusa carenza di benzina in tutto il Regno Unito, giovedì si stima che il 27% delle stazioni di servizio nel Regno Unito non abbia ancora carburante e il 21% abbia solo un grado in magazzino, secondo un sondaggio della Petrol Retailers Association. Il 52% dei siti dichiara di avere sia benzina che diesel in stock, afferma PRA in una nota.

“I membri della PRA riferiscono che mentre continuano a effettuare ulteriori consegne di carburante, questo si sta esaurendo più rapidamente del solito a causa di una domanda senza precedenti”, afferma il direttore esecutivo Gordon Balmer, aggiungendo che “invitiamo i conducenti a mantenere le loro abitudini di acquisto e a fornire solo carburante come e quando necessario per garantire che ci sia abbondanza di carburante per andare in giro”.

La cosa tragica è che tutti i paesi europei, le istituzioni, sono riuscite ad aiutare a creare una crisi che ora non riescono a risolvere. L’interruzione degli investimenti nel settore energetico, a favore del cosiddetto “ESG”, cioè il verde, è devastante perché ha impedito di avere una potenzialità di riserva nel momento in cui si è deciso di passare alle energie rinnovabili. Si è venduta la pelle dell’orso prima di averlo ammazzato, e il depauperamento dei cittadini europei sarà il risultato.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal