attualita' posted by

La corsa ai missili strategici in corso in Estremo Oriente: Riscaldamento bellico

 

Un nuovo rapporto Reuters che racconta la crescita delle scorte di missili regionali afferma che la Cina sta “producendo in serie il suo DF-26, un’arma multiuso con una portata fino a 4.000 chilometri, mentre gli Stati Uniti stanno sviluppando nuove armi volte a contrastare Pechino nel Pacifico. ”

 

Ciò ha portato altri paesi, una volta in disparte, a “acquistare o sviluppare i propri nuovi missili, spinti da preoccupazioni per la sicurezza sulla Cina e dal desiderio di ridurre la loro dipendenza dagli Stati Uniti” – sottolinea il rapporto.

“Prima della fine del decennio, l’Asia sarà irta di missili convenzionali che volano più lontano e più velocemente, colpiscono più duramente e sono più sofisticati che mai – un cambiamento netto e pericoloso rispetto agli ultimi anni, dicono analisti, diplomatici e funzionari militari”, aggiunge il rapporto.

La mappa e l’infografica sottostanti di Reuters visualizzano l’emergente “corsa missilistica Asia-Pacifico” ..

Vediamo quali sono le evoluzioni tecnologiche e militari nell’aerea:

  • Il Comando Indo-Pacifico degli Stati Uniti (INDOPACOM) prevede di schierare le sue nuove armi a lungo raggio in “reti di attacco di precisione ad alta sopravvivenza lungo la prima catena di isole”, che include Giappone, Taiwan e altre isole del Pacifico che circondano le coste orientali della Cina e Russia.
  • Il Giappone, che ospita più di 54.000 soldati statunitensi, potrebbe ospitare alcune delle nuove batterie missilistiche sulle sue isole di Okinawa, ma gli Stati Uniti dovrebbero probabilmente ritirare altre forze… Il Giappone ha speso milioni in armi aviolanciate a lungo raggio, e sta sviluppando una nuova versione di un missile antinave montato su autocarro, il Tipo 12, con una gittata prevista di 1.000 chilometri.
  • L’Australia ha recentemente annunciato che spenderà 100 miliardi di dollari in 20 anni per sviluppare missili avanzati.
  • La Corea del Sud mette in campo il più solido programma di missili balistici nazionali, che ha ricevuto una spinta da un recente accordo con Washington per eliminare i limiti bilaterali alle sue capacità. Il suo Hyunmoo-4 ha una portata di 800 chilometri, il che gli consente di raggiungere anche la Cina continentale al suo interno.
  • La Corea del Nord ha recentemente testato quella che sembrava essere una versione migliorata del suo collaudato missile KN-23 con una testata da 2,5 tonnellate che, secondo gli analisti, mira a superare la testata da 2 tonnellate dello Hyunmoo-4.
  • Taiwan non ha annunciato pubblicamente un programma di missili balistici, ma a dicembre il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha approvato la sua richiesta di acquistare dozzine di missili balistici americani a corto raggio. I funzionari affermano che Taipei sta producendo armi in serie e sviluppando missili da crociera come lo Yun Feng, che potrebbero colpire fino a Pechino.

Più paesi si stanno armando in modo impressionante, con una concentrazione di ordigni strategici in un’area così ridotta, in mano a poteri politici così opposti, non può che portare a dei grossi problemi.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal