attualita' posted by

La Cina è vicina ma pure Dolce&Gabbana di Massimiliano Lenzi.

 

La via della Seta, daccordo. La Cina è vicina, sì, lo abbiamo capito. Ma prima di entusiasmarsi ai limiti della felicità politica suggeriamo al Governo gialloverde, Salvini-Di Maio-Conte di rammentarsi del trattamento cinese a Dolce & Gabbana.

Non due ultimi arrivati ma un top brand della moda e del gusto italiano nel mondo. Convinti che il motto latino, repetita iuvant, abbia una sua pedagogia insostituibile ricordiamo a Di Maio (soprattutto) ma anche a Salvini (seppur meno entusiasta della via cinese) il trattamento ricevuto da Dolce & Gabbana. Tutto comincia da uno spot, con tre video promozionali che mostrano una modella asiatica che cerca di mangiare un enorme cannolo siciliano, un piatto di spaghetti e una pizza con le bacchette mentre in sottofondo passa una voce maschile che ironizza. Che male c’è? Quante volte lItalia è stata presa in giro per o sole, o mare, spaghetti, pizza e mandolino. Farlo con un miliardo e passa di cinesi, invece, non si può.

Visti i video degli spot sono partite in Cina le prime accuse di razzismo e di sessismo nei confronti del brand italiano. Le star cinesi più famose hanno cominciato a criticare la campagna di D&G mentre il boicottaggio sugli acquisti diventava realtà.  Il tutto per uno spot ironico venuto male.  Ma che di certo tutto voleva essere tranne che offensivo. È finita con Dolce & Gabbana che chiedevano scusa ai cinesi e con lItalia, come Paese e nazione che non diceva una parola sulla vicenda in difesa di un marchio (italiano) famoso nel mondo. Oggi, non di moda ma di politica e di interessi degli italiani si parla e da D&G siamo arrivati a D&S, a Di Maio e Salvini.

Bene, sappiano che con i cinesi non si scherza. Si possono fare patti con loro, aprire accordi commerciali e intese, purché non si perdano di vista due aspetti fondamentali: il primo, evitare che i cinesi vengano a comandare in Italia, non sarebbe un accordo commerciale ma una resa. Certo, loro hanno i numeri, crescita, soldi ma proprio per questo bisogna essere accorti non dimenticando mai che si tratta di un Paese comunista, dove le libertà individuali devono ancora essere conquistate. Secondo: aprire alla Cina, nel momento storico preciso in cui gli Stati Uniti del Presidente Donald Trump sono al braccio di ferro con Pechino richiederebbe una maggiore accortezza politica. LItalia è un Paese Atlantico, alleato degli Usa, un Paese che sta nella Ue (per quanto si possa criticare lEuropa) e di questo chiunque governi nellinteresse degli italiani dovrebbe tenere conto.

Perché le nostre scelte politiche verso la Cina non debbano andare a finire come gli spot di Dolce&Gabbana, con i due grandi stilisti contriti nel chiedere scusa alla Cina: In questi giorni abbiamo pensato moltissimo e con grande dispiacere a quello che è successo. E ancora: Le nostre famiglie ci hanno insegnato il rispetto per le altre culture e per questo vogliamo chiedervi scusa se abbiamo commesso errori nellinterpretare la vostra cultura. Siamo sempre stati molti innamorati della Cina, amiamo la vostra cultura e certamente abbiamo ancora molto da imparare. Per questo ci scusiamo se abbiamo sbagliato nel nostro modo di esprimerci. Faremo tesoro di questa esperienza. E non succederà mai più, anzi: proveremo a fare di meglio.  

Ecco, un Governo – diversamente da due stilisti seppur di fama – non deve mai chiedere scusa. Perché se nella vita glande scienza è soplattutto la pazienza, in politica no. Conta il coraggio.

Massimiliano Lenzi, Il Tempo 13.3.19


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi