attualita' posted by

La Cina: “Abbiamo bisogno di più armi nucleari”. Detto il giorno dei primi colloqui commerciali

 

Ieri vi sono stati i primi colloqui commerciali fra gli USA, rappresentati da Katherine Tai, e la Cina, nella persona del vicepresidente Liu He, primo incontro dopo diversi mesi di rottura ed estrema freddezza.  Peccato che alcune ore dopo che Tai e Liu hanno concluso il loro incontro, Hu Xijin, caporedattore del Global Times, media controllato dal governo cinese,  abbia preso il suo account WeChat per dire che la Cina dovrebbe essere pronta militarmente di fronte al “crescente contenimento strategico” da parte degli Stati Uniti.

Hu ha esortato Pechino ad “aumentare rapidamente il numero di testate nucleari e missili balistici strategici a lunga distanza  DF-41”.

Ha detto che queste armi serviranno da “pietra angolare” per la “resistenza strategica” della Cina contro gli Stati Uniti.

L’obiettivo finale, ha spiegato Hu, era che la Cina avesse abbastanza missili balistici nucleari in modo che i politici statunitensi “tremino” ogni volta che pensavano di avere uno “scontro militare con la Cina”.

La Federation of American Scientists, un think tank politico con sede negli Stati Uniti, ha stimato nel settembre 2020 che la Cina aveva circa 320 testate nucleari. In confronto, gli Stati Uniti avevano 3.800 testate nucleari con altre 2.000 in attesa di essere smantellate perché in eccesso.

L’ex presidente Donald Trump, nel tentativo di contrastare le pratiche commerciali sleali della Cina, ha imposto tariffe su una lunga lista di importazioni cinesi, portando a una guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina.

Le due parti hanno firmato un accordo commerciale di fase uno nel gennaio 2020, che richiede alla Cina di acquistare ulteriori 200 miliardi di dollari in beni e servizi statunitensi durante il 2020 e il 2021, rispetto al livello del 2017.

Tuttavia, secondo un rapporto del think tank Peterson Institute for International Economics con sede a Washington, la Cina ha acquistato solo il 58% di quanto promesso con l’accordo nel 2020, mostrando un’atteggimento mercantilistico e fondamentalmente ostile agli USA. Per i primi quattro mesi di quest’anno, la Cina ha acquistato 47,1 miliardi di dollari di prodotti statunitensi, non raggiungendo l’obiettivo di 64,5 miliardi di dollari previsto dall’accordo. Nessuno si aspetta che lo scontro economico fra USA e Cina finisca presto.

Dal punto di  vista commerciale , In due distinte udienze del Congresso a maggio, Katherine Tai ha espresso l’importanza di confrontarsi con la Cina sulle questioni commerciali.

“Se la Cina non può o non vuole adattarsi alle regole e alle norme internazionali, dobbiamo essere audaci e creativi nell’adottare misure per livellare il campo di gioco e migliorare le nostre capacità e partnership”, ha affermato Tai il 12 maggio.

La pace commerciale con la Cina è lontana, anzi rischia di elevarsi ad un livello più elevato.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal