attualita' posted by

La BCE sarà molto meno “Verde” di quanto si attendano gli attivisti

Pare, da notizie interne , che la BCE  avrà un approccio molto meno aggressivo verso il cambiamento climatico di quanto vorrebbero gli attivisti del tema. 

Secondo diversi politici di spicco, l’intervento  si baserà principalmente su un miglioramento dei modelli finanziaria e della divulgazione piuttosto che sugli acquisti di asset verdi diretti. Questi quindi si troverebbero comunque a scontrarsi col la durezza del mercato e dovrebbero fornire adeguati rendimenti.
Quando il consiglio direttivo della BCE ha discusso il cambiamento climatico come parte della sua revisione della strategia la scorsa settimana, c’era un ampio consenso sulla necessità di agire. Ma c’era un entusiasmo limitato per le idee politiche più ambiziose, una riluttanza diffusa per la banca centrale a prendere l’iniziativa nell’affrontare le questioni ambientali con una preferenza per lasciarlo ai governi, secondo tre membri del consiglio.

Christine Lagarde, presidente della BCE, si è impegnata a fare della lotta ai cambiamenti climatici una parte importante della revisione della strategia della banca centrale e alcuni membri del consiglio hanno chiesto alla BCE di fare pieno uso dei suoi strumenti di politica monetaria per affrontare la questione.
Gli attivisti ambientali hanno esortato la BCE a intraprendere il cosiddetto QE verde spostando il suo programma di acquisto di obbligazioni per abbandonare quelli emessi da emettitori di carbonio pesante, acquistando invece più obbligazioni verdi che finanziano progetti rispettosi del clima.
Tuttavia, quando il consiglio ha discusso le idee di vendere le obbligazioni di società ad alte emissioni di carbonio, acquistare solo titoli verdi o imporre un “Haircut” sul valore delle garanzie con un rischio climatico più elevato, nessuna di queste ha ottenuto molto sostegno. Insomma quando si parla di investimenti il vero verde che conta è quello delle banconote che si possono recuperare dagli investimenti.

“Alla fine, la discussione è se possiamo fare qualcosa sulla divulgazione, sulla misurazione dei rischi nel nostro bilancio e sulle controparti e garanzie, ma per quanto riguarda l’idea di QE verde, siamo molto lontani da lì”, ha detto uno membro del Consiglio.
“È l’effetto di segnalazione che conta: avremmo bisogno di misurare adeguatamente cosa è verde e cosa è marrone e se spingiamo per questo avrà un grande impatto in sé”.

Invece, c’era più accordo sulla necessità per la BCE di valutare meglio il rischio del cambiamento climatico nei propri modelli, in modo da poter valutare quali società sarebbero state più colpite da una tassa sul carbonio o avrebbero dovuto svalutare il valore delle loro attività a causa di utilizzo di combustibili fossili.
Ciò consentirebbe alla banca centrale di tenere conto del rischio climatico nel valutare la garanzia che accetta e di impegnarsi a portare le proprie partecipazioni in obbligazioni societarie in linea con l’obiettivo dell’accordo di Parigi del 2016 di mantenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2 ° C . Però si tratterebbe solo di un aiuto indiretto, di carattere comunicativo e di miglioramento


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal