Seguici su

crisi

La balla del “Miracolo Spagnolo”

Pubblicato

il

Quando un politico eurista va ad un talk show “Da un tanto al chilo”, solitamente gli viene fatto notare il disastro economico e sociale causato dall’euro in Italia. La sua risposta standard, fotocopiata è:  “Eh ma noi dobbiamo fare come la Spagna, fare le Riforme, e vedrete che, come a Madrid, tutti i problemi scompariranno, come per incanto. La Spagna cresce con l’Euro ! ”

spagna - coda cibo

Spagna, coda non per il bancomat, ma per gli aiuti alimentari a Valencia.

Ora effettivamente dal 2014 il tasso di crescita del PIL spagnolo è tornato positivo di una cifra interessante, anche se non comparabile con quello, ad esempio, degli USA

spagna tasso di crescita PILPraticamente nel 2014 il PIL è tornato a crescere come nel 2005/6, di un bel 1%, Bene, ottimo risultato, gli Spagnoli saranno molto soddisfatti… oppure no ?

Vediamo come va l’occupazione:

spagna disoccupazione

Dal 2005 al 2015 la disoccupazione complessiva è praticamente raddoppiata, e, nonostante una debole flessione nell’ultimo anno, si rimane bel al di sopra del 20%, cioè più di uno spagnolo su 5 è a casa senza occupazione. Mi sa che non siano così felici…

spagna disoccupazione giovanilePoi se siete giovani proprio NON siete felici: un ragazzo su due è disoccupato, praticamente una generazione che è andata al macello. Un vero successo dell’euro.

Come ha raggiunto comunque questo risultato il governo spagnolo ? Con la famosa “Austerità espansiva” desiderata dalla Germania e che ha visto Monti come suo predicatore in Italia?

BEEEP risposta sbagliata. Il governo Rajoy ha raggiunto questa minima crescita con una politica di sgravi fiscali e spesa pubblica finanziata dal deficit pubblico…

spagna  deficit su PIL

Quindi vedere dei bei sani deficit di bilancio, con cifre anche monstre sopra il 1o%. Un bel metodo “Teutonico” di ottenere la crescita (spero apprezziate l’ironia). Quindi mentre la Germania ammazza di austerità Grecia ed Italia, permette alla Spagna di spendere e spandere, creando un pelo, ma solo un pelo, di crescita. Ricordiamo che il popolare Rajoy è l’alleato politico più stretto della Merkel.

Naturalmente tutto questo non può rimanere senza conseguenze: lo Stato ha un peso sempre maggiore nell’economia del paese, come indica chiaramente il rapporto fra spesa pubblica e PIL.

spagna spesa pubblica su PILIl problema della spesa pubblica , quando raggiunge questi livelli, è che può migliorare il PIL nel breve periodo, ma ha la fastidiosa tendenza a zavorrarlo nel lungo, soprattutto quando non è ben allocata. Poi c’è un altro  effetto non secondario nel magico mondo della moneta unica, dove tutto il debito è espresso in una moneta straniera, cioè la crescita del rapporto debito/PIL

spagna debito pubblico

Dal 36.1 % del PIL nel 2008 siamo arrivati a fine 2014 al 97.7 % nel 2014, un bel 60% in più in 6 anni non è proprio male….

Ricapitoliamo: La Spagna, paese mediterraneo nell’euro, ha avuto una crescita del PIL nel 2014, ma al prezzo di una spesa pubblica elevatissima, e comunque questa crescita ha avuto un effetto minimo sul benessere popolare e sui giovani.

Poteva esserci una evoluzione diversa ? Vediamo l’Ungheria…

ungheria sviluppo PIL

Anche l’Ungheria, dopo alti e bassi, ha raggiunto un tasso di sviluppo del PIL positivo a livelli discreti, considerando soprattutto che la UE è in una sorta di guerra continua con il governo “Populista” di Orban.

Ma questa crescita è stata utile ?

ungheria disoccupazioneoppss…l’Ungheria ha un tasso di disoccupazione che è 1/3 di quello Spagnolo e , soprattutto, è in calo molto molto sensibile.

La crescita e la riduzione della disoccupazione sono state raggiunte con un aumento del debito pubblico ? NO , IL DEBITO PUBBLICO E’ CALATO DAL 82.2 DEL 2010 AL 76.9% del 2014. Quindi abbiamo un paese che :

– Cresce

– Abbatte la disoccupazione

– Riduce il debito pubblico.

Però l’UNGHERIA E’ NELLA UE, MA NON NELL’EURO. Infatti (da xe.com)

ungheria cambio euro

Negli ultimi 10 anni il fiorino si è svalutato da 0,004 a 0,003 sull’euro. Ma questo ha salvato bilanci ed occupazione. La svalutazione rende tutte le produzioni nazionali, non solo quelle “capital intensive” più convenienti, e quindi salva l’occupazione, cosa che neppure la spesa pubblica riesce a fare.

Quindi, se si vuole un vera crescita che incrementi l’occupazione  non si può seguire la via spagnola, che , tra l’altro, è impossibile per noi, ma si deve, obbligatoriamente,seguire la via ungherese: via dall’euro ed una controllata svalutazione comparata, almeno finchè il sistema produttivo non si è rimesso in sesto.

Ricordatelo, quando sentirete i soliti “Economisti da talk show”. Ricordate che vi mentono.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito