attualita' posted by

IRAN: rivolte nel sud per il la fame e l’alto costo della vita. Assalti alle caserme

Non solo lo Sri Lanka viene a colpito dalle rivolte per la fame. Anche una nazione apparentemente solida come l’Iran vede manifestazioni anche molto violente per l’aumento eccessivo dei prezzi del pane e degli altri beni di prima necessità. Ovviamente il governo incolpa di questi eventi  misteriose “Forze esterne”.

Le proteste sono state innescate da un taglio dei sussidi governativi per il grano importato che ha causato aumenti dei prezzi fino al 300% per una varietà di prodotti di base a base di farina.

Il tasso di inflazione ufficiale dell’Iran è di circa il 25% , ma pare non riflettere la verità dei fatti.  Quasi la metà degli 82 milioni di abitanti dell’Iran sono ora al di sotto della soglia di povertà.

Il governo prevede di offrire coupon digitali nei prossimi due mesi per quantità limitate di pane a prezzi agevolati. Il resto sarà offerto a prezzi di mercato, quindi inaccessibili a una parte della popolazione. Altri prodotti alimentari verranno aggiunti in seguito.

Ci sono state proteste sparse in diverse città, secondo IRNA, in cui la folla ha cantato slogan contro l’aumento dei prezzi e alcuni negozi sono stati dati alle fiamme.

In totale sono state arrestate 22 persone.

“Nonostante i tentativi dei provocatori di incitare i manifestanti, le manifestazioni si sono concluse con l’intervento delle forze di sicurezza”, ha affermato IRNA, aggiungendo che la calma è stata ripristinata. Ecco un video che mostra l’assalto alla caserma della milizia Basij à Junqan, normalmente utilizzata con funzione di ordine interno.

La più grande protesta si è svolta a Dezful, nella provincia sudoccidentale del Khuzestan, ricca di petrolio, dove l’IRNA ha affermato che circa 300 persone sono state disperse dalle forze di sicurezza. Ha detto che 15 persone sono state arrestate per “aver cercato di creare il caos” nella città.

Circa 200 persone hanno manifestato giovedì a Shahr-e Kord a Chaharmahal e nella provincia di Bakhtiari nell’Iran occidentale, ha detto IRNA.

Mentre la TV di stato ha affermato che Shahr-e Kord è tornata alla calma, i video pubblicati sui social media hanno indicato che i disordini si erano diffusi venerdì in città tra cui Ardabil nel nord-ovest, Rasht nel nord e Iranshahr nel sud-est. Reuters non ha potuto autenticare in modo indipendente i video.

Nei primi segnali di malcontento per l’aumento dei prezzi, la scorsa settimana i media iraniani hanno segnalato l’interruzione dei servizi Internet, un apparente tentativo di fermare l’uso dei social media per organizzare manifestazioni e diffondere video.

La vera crisi dei prezzi alimentari non c’è ancora stata e si sentirà il prossimo autunno, quando mancheranno i raccolti ucraini. Cosa succederà allora?


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal