attualita' posted by

Il Regno Unito continuerà a estrarre petrolio e gas, nonostante le politiche “Verdi”

La produzione interna di petrolio e gas continuerà a svolgere un ruolo importante nel mix energetico del Regno Unito, nonostante l’impegno alle emissioni  zero  entro il 2050, ha affermato martedì il primo ministro Boris Johnson.

Mentre il Regno Unito sta spingendo per costruire una maggiore capacità eolica offshore, comunque continuerà a consentire nuovi progetti per l’estrazione di petrolio e gas nel Mare del Nord britannico, poiché questo cerca di soddisfare la sua sicurezza energetica. Gli ultimi mesi hanno dimostrato che l’Europa e il Regno Unito non possono fare a meno del gas naturale, mentre la Gran Bretagna ha assistito a una crisi del costo della vita con l’aumento vertiginoso delle bollette energetiche e il prezzo massimo di tali bollette destinato a salire del 54% a partire dal 1 aprile , che si stima colpisca 22 milioni di famiglie nel Regno Unito.

Il governo ritiene che petrolio e gas abbiano un ruolo nella transizione energetica del Regno Unito, ha detto un portavoce del gabinetto a The Independent. Quindi niente solo eolico o solare, o idroelettrico.

“L’industria del petrolio e del gas continuerà a svolgere un ruolo mentre effettuiamo questa transizione. Stanno investendo in tecnologie pulite come la cattura del carbonio e l’idrogeno di cui abbiamo bisogno per arrivare allo zero netto”, ha affermato il portavoce.

Nel frattempo, il governo dovrebbe approvare lo sviluppo di sei nuovi giacimenti di petrolio e gas nel Mare del Nord quest’anno, secondo quanto riportato dal Daily Telegraph questa settimana.

Rishi Sunak, Cancelliere dello Scacchiere, ha chiesto al Segretario agli Affari e all’Energia Kwasi Kwarteng di accelerare le licenze per sei campi mentre crescono i timori sull’impatto economico dello zero netto entro il 2050, ha appreso The Telegraph. Anche politicamente la sopravvivenza politica del paese si basa sull’energia.

All’inizio di quest’anno, l’ente di gestione del settore energetico offshore, OGUK, ha avvertito che il Regno Unito potrebbe diventare molto più vulnerabile agli shock dei prezzi e agli eventi geopolitici a meno che non vengano approvati e sviluppati nuovi giacimenti offshore e la produzione di gas del Regno Unito potrebbe crollare del 75% entro il 2030.

Il governo del Regno Unito non è disposto a chiudere il settore che fornisce il 73% dell’energia del Regno Unito e soddisfa il 47% della sua domanda di gas naturale. Ma le autorità hanno recentemente proposto che i nuovi sviluppi del progetto superino il cosiddetto test di compatibilità net-zero. Insomma si cercano dei pretesti per continuare a estrarre petrolio.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal