attualita' posted by

Il lato “Buono” di Trump: dazi auto posticipati di 6 mesi, via i dazi su acciaio ed alluminio a Canada e Messico

 

Trump mostra il suo lato buono… o semplicemente decide di non farsi troppi nemici. Due noztie sul commercio internazionale positive chiudono una giornata, ed una settimana, altrimenti nefaste, ed entrambe riguardano alleati storici degli USA con i quali però i rapporti erano diventati burrascosi.

La prima notizia riguarda Giappone ed Unione Europea: il Presidente ha confermato che i dazi sulle auto costruite in questi due paesi saranno rinviati di altri sei mesi per le trattative commerciali. Il rinvio darà un po’ di ossigeno all’industria tedesca, molto esposta in America, e permetterà di iniziare le trattative commerciali con una nuova Commissione che, in quel momento, dovrebbe essersi appena insediata. Una boccata di ossigeno che permetterà anche un  allentamento delle tensioni con la Merkel.

La seconda notizia è che una fonte ben informata citata da Bloomberg ha affermato che, per facilitare la conclusione delle trattative sull’area commerciale USMCA, quella che prima era il NAFTA e che ora è divetato un trattato commerciale multilaterale, gli USA sarebbero disposti a cancellare i dazi su acciaio ed alluminio applicate a questi due paesi. Quindi non sarebbero più applicate le tariffe del 25% sul primo prodotto e del 10% sul secondo, favorendo anche le industrie di trasformazione americane che avrebbero accesso a materiali più convenienti. Evidentemente la ripresa della produzione siderurgica americana è ritenuta tale da potersi permettere questa mossa buonista.

Naturalmente dollaro canadese e borsa hanno viaggiato su questa notizia, Iniziamo con la seconda:

quindi la seconda

Appare evidente che con i fronti aperti contro Cina, Iran e Venezuela non si ritiene necessario avere, almeno per ora , altri contenziosi commerciali in corso.

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi