Seguici su

Attualità

Il Kirgizistan compra droni da combattimento dopo gli scontri con il Tagikistan

Pubblicato

il

Il Kirghizistan ha acquistato un nuovo lotto di droni militari di fabbricazione turca, andando a rafforzare una flotta aerea che già comprende i veicoli aerei senza pilota Bayraktar TB2.

In un post pubblicato su Facebook il 17 gennaio, Daiyrbek Orunbekov, addetto stampa dell’amministrazione presidenziale, ha collegato l’acquisto dei droni alla recente storia di conflitti al confine con il Tagikistan.

Orunbekov ha identificato i nuovi acquisti come UAV Aksungur e Anka, ma non ha fornito dettagli né sul numero di esemplari acquistati né sull’importo pagato, tuttavia, ha suggerito che il governo ha potuto permettersi i droni grazie ai risparmi ottenute tagliando gli stipendi dei dipendenti pubblici.

“È chiaro che se il Paese non è in grado di difendersi, allora i bonus trimestrali e i pagamenti aggiuntivi ai dipendenti pubblici non hanno alcun significato. Ecco perché è del tutto fuori luogo che i colleghi si sentano avviliti dai presunti “tagli ai bonus””, ha scritto Orunbekov su Facebook.

Quando alludeva alla necessità del Kirghizistan di difendersi, Orunbekov si riferiva inequivocabilmente agli scontri di confine con il Tagikistan dello scorso anno.

“Dopo gli scontri a Batken, si sta prestando particolare attenzione al rafforzamento delle forze armate”, ha scritto, alludendo alla provincia kirghisa più colpita in quel conflitto.

Il Kirghizistan ha acquistato un numero imprecisato di droni Bayraktar TB2 alla fine del 2021, per poi completarlo con i Bayraktar più recenti  nell’ottobre successivo. A settembre, il presidente Sadyr Japarov ha presieduto alla cerimonia di inaugurazione della prima base di veicoli aerei senza pilota del Paese, gestita dal servizio di frontiera, un ramo del Comitato di Stato per la sicurezza nazionale.

“Vorrei sottolineare che gli sforzi per rafforzare le nostre forze armate si concentrano solo sulla difesa”, ha dichiarato Japarov in quell’occasione.

Japarov ha dichiarato in altre occasioni che il governo kirghiso sta spendendo “somme senza precedenti” per rafforzare le sue capacità di difesa, anche se non ha offerto cifre specifiche. La corsa del Kirghizistan a rafforzare il proprio arsenale militare dopo le ultime ondate di disordini al confine con il Tagikistan non si è concentrata solo sulla potenza aerea. A ottobre, il Ministro della Difesa Baktybek Bekbolotov ha annunciato che il Kirghizistan ha acquistato un sistema missilistico antiaereo Pechora-2BM di fabbricazione bielorussa.

“Il sistema arriverà nel prossimo futuro e sarà dispiegato a Batken”, ha dichiarato il ministro.

Questo clamore per la costruzione di un potente arsenale di armi si inserisce nel contesto di un persistente gelo nelle relazioni tra Kirghizistan e Tagikistan, dopo le ostilità di settembre che hanno causato più di 100 vittime, soprattutto tra i civili. Entrambe le parti si accusano a vicenda di aver scatenato gli scontri. La maggior parte delle prove disponibili indica tuttavia che la maggior parte dei danni alle infrastrutture inflitti nel conflitto è stata subita dai civili kirghisi.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito