attualita' posted by

IL DIPARTIMENTO DELLA DIFESA USA HA COMPRATO, ILLEGALMENTE, MILIARDI DI DATI SULLA POSIZIONE DELLE PERSONE

 

Gli analisti della Defense Intelligence Agency negli ultimi anni hanno acquistato database di dati sulla posizione degli smartphone statunitensi senza aver prima ottenuto i mandati legittimi da parte dell’autorità giudiziaria, compiendo quindi uno spionaggio illegittimo su cittadini americani.  La Defense Intelligence Agency (DIA) fa parte del Dipartimento della Difesa e ha il compito d’informare i responsabili politici militari e civili sulle attività e le intenzioni dei governi stranieri e degli attori non statali.

La ACLU (American Civil Liberties Union ha deciso d’intervenire sulla materia e ugualmente diversi politici al problema della privacy dei cittadini USA. I dati sono stati acquistati all’ingrosso da diverse APP che li raccolgono con finalità di carattere commerciale. Se però è già inquietante che i vostri dati siano venduti al negozio di kebab dell’area, che così potrà martellarvi di pubblicità, lo è ancora di più quando questi dati vengono venduti ai servizi segreti.

Il senatore Ron Wyden ha chiesto alla DIA di chiarire la sua interpretazione di Carpenter contro gli Stati Uniti, una decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti del 2018 che vieta alle forze dell’ordine di richiedere informazioni sulla posizione personale a una società di telefonia mobile senza aver prima ottenuto un mandato di perquisizione da un giudice.

“La DIA non interpreta la decisione di Carpenter di richiedere un mandato giudiziario che avalla l’acquisto o l’uso di dati disponibili in commercio per scopi di intelligence”, ha risposto l’agenzia, che, per acquistare i dati, avrebbe trovato una scappatoia acquistandoli non direttamente, ma attraverso un broker. Un trucchetto legale per aggirare la legge per la tutela della privacy.

Inoltre, Wyden ha chiesto se gli agenti della DIA differenziassero tra i dati sulla posizione del telefono ottenuti negli Stati Uniti e all’estero. “Il fornitore di dati di DIA non fornisce flussi separati di dati sulla posizione negli Stati Uniti e all’estero”, ha spiegato l’agenzia, “e quindi DIA elabora i dati sulla posizione quando arrivano per identificare i punti dati sulla posizione degli Stati Uniti, che segrega in un database separato”.

“Il personale della DIA può interrogare questo database di dati sulla posizione degli Stati Uniti solo se autorizzato dal capo del personale della DIA e dall’ufficio del consiglio generale della DIA”, ha aggiunto. “Il permesso di interrogare il database DIA dei dati sulla posizione dei dispositivi statunitensi acquisiti commercialmente è stato concesso cinque volte negli ultimi due anni e mezzo, quando DIA ha iniziato ad acquistare questa fonte di dati”.

Lo scorso settembre è stato rivelato che le forze armate statunitensi stavano acquistando dati sulla posizione dei dispositivi dalle app, inclusa un’app di preghiera musulmana utilizzata da decine di milioni di persone in tutto il mondo, e che li utilizzavano per scopi antiterrorismo.

Come riportato da The Hill venerdì, Wyden prevede di introdurre una legislazione, definita “Il quarto emendamento non è in vendita”,  che proibirebbe alle agenzie governative di acquistare informazioni personali da intermediari di dati, in modo da fornire una maggiore tutela ai cittadini americani. Però togliere la geolocalizzazione no ?


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal