attualita' posted by

Huawei si butterà sulle auto elettriche?

 

 

In Cina il governo sta spingendo sempre più aziende a entrare nel settore e della tuo elettriche, viste come il futuro della mobilità. Appare evidente che, difronte a un Occidente stordito e diviso, Pechino vuole prendere la guida di questo settore per i prossimi venti anni.

Un esempio è Huawei, che – secondo Reuters – ha in programma di realizzare veicoli elettrici con il proprio marchio e potrebbe lanciare alcuni modelli quest’anno  a causa dei limiti che si trova ad affrontare sulla telefonia mobile per i vincoli posti dall’amministrazione Trump e da diverse altre

Dal momento che costruire auto da zero non è un compito facile, Huawei è invece in trattative con Changan Automobile di proprietà statale e altre case automobilistiche per utilizzare i loro stabilimenti automobilistici per realizzare i suoi veicoli elettrici a marchio Huawei, secondo Reuters.

Huawei è anche in trattative con un’altra azienda cinese: BluePark New Energy Technology del gruppo BAIC. Come l’accordo di Foxconn con Lucid, BluePark sarebbe responsabile della produzione di massa delle auto presumibilmente progettate da Huawei. Nello stesso tempo altre case, com BYD, integrano ad altissimo livello le tecnologie Huawei nei propri prodotti, quindi potrebbero tranquillamente essere in grado di realizzare delle joint venture con la casa di prodotti IT.

Secondo Reuters, il piano annuncia “un cambiamento di direzione potenzialmente importante per Huawei dopo quasi due anni di sanzioni statunitensi che hanno tagliato il suo accesso alle principali catene di approvvigionamento, costringendola a vendere una parte della sua attività di smartphone per mantenere in vita il marchio.

L’amministrazione Trump ha preso di mira Huawei per le preoccupazioni che i paesi occidentali che utilizzano la sua tecnologia e i suoi prodotti nelle loro reti 5G avrebbero dato al PCC un accesso senza precedenti a informazioni private e sensibili appartenenti a governi stranieri. Un portavoce di Huawei ha avvertito che, sebbene la società attualmente non produca automobili, mira a fornire “componenti orientati alle auto digitali e nuovi componenti aggiunti”.

“Huawei non è una casa automobilistica. Tuttavia, attraverso l’ICT (tecnologia dell’informazione e della comunicazione), miriamo a essere un fornitore di componenti nuovi e orientati alle auto digitali, consentendo agli OEM di automobili (produttori di apparecchiature originali) di costruire veicoli migliori”.

Secondo quanto riferito, i veicoli elettrici dell’azienda si rivolgeranno ai consumatori del mercato di massa, mentre presumibilmente le auto elettriche “straniere” come quelle prodotte da Tesla e da altre case automobilistiche straniere (come Ford, che ha collaborato con un’azienda cinese per realizzare auto elettriche per il mercato cinese) consumatori cinesi più ricchi. È un divario che riflette il mercato degli smartphone cinese, dove i telefoni domestici di Huawei e Xiaomi sono visti come più pedoni rispetto ai prodotti Apple acquistati nel paese.

Le prospettive di crescita nel mercato cinese dei veicoli elettrici sono elevate: si prevede che le vendite di veicoli a nuova energia (NEV), compresi i veicoli elettrici solo a batteria, nonché i veicoli ibridi plug-in e a celle a combustibile a idrogeno, rappresenteranno il 20% del totale delle vendite  annuali delle auto cinesi entro il 2025.

Ufficialmente la casa ha negato l’intenzione di produrre direttamente un’auto elettrica, ma potrebbe anche trattarsi di un’integrazione con altre case già nel settore e che, magari, necessitano di capitali per sviluppare ulteriormente la produzione. Ad esempio la BYD Han, un’auto EV molto evoluta con 500 cavalli, al livello della Tesla, utilizza una sofisticata elettronica ed infotainmente made in Huawei.

Eccovi  un video su questa auto EV made in China


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal