attualita' posted by

“Ho portato i decreti Conte in tribunale, per salvare un negozio”.

 

Un negozio che dovrebbe chiudere perché ritenuto, chissà perché, “Non essenziale”, decide di restare aperto e si rivolge a un avvocato per non pagare le sanzioni del DPCM contrario alla logica.

Eccovi il caso pratico: è successo all’assistito dell’avvocato AntonioGiannotti, che vendendo alimenti per animali, all’alba del 3 dicembre 2020 ha aperto la serranda, ritenendosi un bene essenziale come gli altri negozi di alimentari, e quindi in linea col Dpcm appena emanato. Non era così, per questo la polizia​ ha chiuso il suo negozio recapitandogli una multa da €400,00.

Ovviamente l’esercente non si è fatto scivolare addosso il Dpcm, che nel suo lato più cinico lo ha punito mentre era in buona fede. Nasce da lì la possibilità di una svolta: dalla sentenza​ che ci sarà a maggio sulla chiusura coatta del suo negozio, e quindi sulla legittimità di tutte le chiusure di chi non potrà sentirsi dire per un altro anno “resta a casa”. Per ordine del giudice ora il negozio è aperto, con tanto di multa stracciata. 

L’avvocato racconta tutto a RadioRadio , programma “Un giorno speciale”, affermando che, in via temporanea, ha ottenuto la sospensione della sanzione, appellandosi anche per far valutare la costituzionalità dei Decreti legge alla base del DPCM. L’ordine di chiusura è sospeso fino a Maggio, quando si saprà cosa avverrà alla sanzione ed al ricorso costituzionale. 

Buon ascolto

 

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal