analisi e studi posted by

Recenti studi di Harvard vogliono cambiare il clima irrorando l’atmosfera con sostanza chimiche (non stiamo parlando di scie chimiche, anche se l’effetto sarebbe lo stesso…)

www.mittdolcino.com – Come ingegnere non sono mai voluto entrare nel merito delle cd. scie chimiche: troppi dubbi, troppo complottismo fine a se stesso e forse troppe reticenze nel voler indagare seriamente tale fenomeno.

Negli scorsi giorni mi sono però imbattuto in una recente pubblicazione della prestigiosa rivista Environmental Research Letters (ERL), scritta da due eminenti scienziati di Harvard, in cui clamorosamente emerge un collegamento con molte delle teorie cd. complottiste sulle scie chimiche: in soldoni, viene ipotizzato un intervento OPERATIVO con aerei da trasporto per irrorare l’altissima atmosfera con sostanze chimiche, nel caso per modificare la temperatura terrestre. Ossia proponendo uno schema teoricamente efficace per combattere il riscaldamento climatico da CO2.

Sempre basandomi rigorosamente su pubblicazioni scientifiche riconosciute, sono tenuto a ricordare un’altra recente pubblicazione, quella della Astrophysical Review Letters (vedasi sotto), paper tra i più prestigiosi in materia, che introduce una variabile tutto sommato inattesa (fino a 2 o 3 anni fa) nell’evoluzione del clima (come indicato in precedenti interventi): il crollo del numero di macchie solari, che rappresentano un indice di emissione di energia verso la terra, sembrano implicare con ragionevole certezza che nei prossimi 10 anni ci sarà un abbassamento della temperatura terrestre e non un innalzamento. Tale aspetto potrebbe mettere in dubbio il fine ultimo del paper scientifico pubblicato da ERL sopra, quanto meno nei fini, ma certamente il metodo resta valido e soprattutto sdoganato (…). …

Per continuare a leggere seguire il LINK


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi