attualita' posted by

GUERRA DI DRONI IN SIRIA: fra russi, siriani, turchi e milizie varie un susseguirsi di attentati

La situazione in Siria fra siriani, russi, turchi e milizie varie si fa sempre più complicata e tecnologica. L’espansionismo di Erdogan sta aggregando forze molto eterogenee rivolte al suo contenimento ed anche all’utilizzo di tecniche molto eterogenee per contrastarlo.

Dalla mattina del 20 luglio, le posizioni dell’esercito siriano sono state sottoposte a bombardamenti da parte di militanti nei villaggi di Furu, Bahsa e Beit Hassno nella parte meridionale della zona di de-escalation di Idlib, un attacco probabilmente giunto dalle forze filo turche nella sacca protetta da Ankara. In risposta, le forze governative hanno colpito posizioni di Hayat Tahrir al-Sam vicino a Kansafra e nelle aree circostanti.

Le tensioni locali sono aumentate solo pochi giorni dopo che un oggetto infrastrutturale chiave di Hayat Tahrir al-Sham a Idlib è diventato il bersaglio di un attacco di droni. Il 18 luglio, tre droni  hanno colpito le strutture della Watad Petroleum Company nella città di Saramada. Questa società è controllata da Hayat Tahrir al-Sham (HTS) , filiale locale di Al Quaeda protetta dai turchi ed è il portafoglio del gruppo combattente-terroristico.

L’agenzia di stampa del gruppo HTS,  Iba’a ha confermato che i droni hanno colpito il quartier generale dell’azienda ed i suoi depositi di carburante, pur non causando vittime.

Una foto di uno dei droni realizzati prima dell’attacco mostra un design ad ala a forma di X simile a quello della famiglia Hero di munizioni vaganti prodotte dall’UVision di Israele come drone leggero con finalità di utilizzo anticarro, con peso complessivo di 12,5 kg e testata da 3,5 kg. Fonti siriane ipotizzano che questo drone possa essere una copia retroingegnerizzata dell’originale israeliano da parte di russi, siriani o iraniani. Allo stesso tempo, è probabile che lo sciopero sia stato condotto dalla stessa Turchia, che sta silenziosamente lavorando per minare il dominio di Hayat Tahrir al-Sham nella regione.

All’inizio di luglio, i militanti di  Idlib hanno attaccato una pattuglia congiunta turco-russa sull’autostrada M4 con un’auto fatta esplodere guidata da un attentatore suicida. È difficile credere che un simile attacco potrebbe essere possibile senza il coordinamento con Hayat Tahrir al-Sham che controlla la linea del fronte in quella zona. Quelli che Ankara chiama “ribelli moderati” hanno colpito anche i turchi e vedremo se questi chiederanno più “Moderazione”.

Se questo è un attacco siriano con i Droni, i ribelli si erano già fatti sentire: il 16 luglio, un quadricottero armato di una carica esplosiva ha preso di mira un gruppo di membri delle forze di sicurezza  russe e siriane nelle vicinanze della città di al-Darbasiyah nella Siria nord-orientale. Tre membri della polizia militare russa e tre membri del personale siriano sono rimasti feriti. Secondo quanto riferito, l’attacco è avvenuto nel corso di una riunione in un posto di coordinamento locale, dove si discuteva delle violazioni del cessate il fuoco, ma è evidente che c’è un problema di sicurezza anche fra i russo-siriani.

Questa guerra tecnologica a bassa intensità andrà avanti con il benestare dei turchi che controllano un manipolo di gruppi terroristici ad Idlib. C’è il rischio che il fronte si allarghi alla Libia con il trasferimento dei combattenti siriani filoturchi nell’area voluto da erdogan.

Ecco un video di Southfront sulla materia


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Seguici:

RSS Feed