attualita' posted by

Gli USA si sarebbero portati via 92 miliardi di dollari di petrolio siriano

This April 4, 2018 photo shows a convoy of oil trucks passinf a Kurdish police (Assayesh) checkpoint, as they moving fuel produced in Kurdish-held areas in the east to other areas controlled by the same U.S-backed group to the west, on a highway in Hassakeh province, Syria. Since the Syrian government left the predominantly Kurdish area in northern Syria, the Syrian Kurds have been in control of some of the country’s largest oil fields in Hassakeh province in the northeast starting in 2013. Many former government employees stayed on, and their salaries continued. (AP Photo/Hussein Malla)

 

Il ministro siriano del petrolio e delle risorse minerarie, Bassam Tohme, ha dichiarato giovedì che le perdite totali nel settore petrolifero diretto e indiretto in Siria hanno superato i 92 miliardi di dollari.

Il ministro siriano ha dichiarato in dichiarazioni al canale televisivo statale Al-Ikhbariya (e successivamente tradotte nei media statali iraniani), che le aree sotto il controllo degli Stati Uniti e delle loro forze alleate contengono oltre il 90% delle riserve petrolifere della Siria .

 

Ha affermato che “Gli americani ed i loro seguaci agiscono come pirati nel prendere di mira la ricchezza petrolifera siriana e le navi di rifornimento“.

Tohme ha affermato che gli Stati Uniti stavano deliberatamente impedendo al governo siriano di beneficiare delle riserve di petrolio all’interno del paese.

Il ministro del petrolio ha aggiunto che le acque siriane sono “qualificate in termini di riserve petrolifere, ma ciò che distingue i contratti di esplorazione è che sono costosi e sono a lungo termine”, sottolineando che “c’è un futuro petrolifero promettente in quelle acque, e la questione ha bisogno di condizioni logistiche tranquille e stabili “.

Le forze armate statunitensi ed i loro alleati delle forze democratiche siriane (SDF) attualmente controllano i giacimenti petroliferi di Al-Umar, i più grandi giacimenti petroliferi in Siria, che hanno catturato dallo Stato islamico (ISIS / ISIL / IS / Daesh) durante  campagna nella zona orientale del paese ai confini con l’Iraq.

A peggiorare le cose, la Siria sta attualmente assistendo a una crisi dei carburanti, a seguito di un nuovo aumento dei prezzi per la benzina a  90 e  95 ottani.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal