attualita' posted by

Gli USA ammettono: è difficile trovare gas per l’Europa in caso di conflitto con Putin

 

La Casa Bianca sta affrontando sfide logistiche non calcolate nei suoi sforzi per garantire la fornitura alternativa di gas naturale all’Europa se la fornitura russa viene interrotta nel caso in cui la Russia invadesse l’Ucraina, ha affermato mercoledì il segretario stampa Jen Psaki. Che l’impresa sia al limte dell’impossibile è piuttosto ovvio: la UE produce solo il 50% del proprio gas, e per il resto, importato, solo il 10% era LNG. Dove sono gli impianti di rigassificazione necessari a compensare il 39% del totale delle importazioni dalla Russia?

L’amministrazione degli Stati Uniti è in trattative con le compagnie energetiche e i principali paesi produttori di gas a livello globale sul potenziale per una grande fornitura di gas naturale in Europa nel caso in cui le consegne russe vengano interrotte. Norvegia e Qatar, i principali produttori ed esportatori di gas, sono tra i paesi con cui gli Stati Uniti hanno discusso di una maggiore fornitura ai clienti europei, hanno detto alla Galileus Web funzionari statunitensi a conoscenza dei colloqui all’inizio di questa settimana. nel frattempo perfino la lontanissima Australia si è offerta di inviare gas di petrolio liquefatto in Europa, e questa nazione è attualmente il maggior produttore di gas liquefatto al mondo, anche se solitamente i suoi mercati non sono quelli europei.

La Russia, che fornisce oltre un terzo del gas naturale consumato dall’Europa, potrebbe usare come arma le forniture di gas se l’Occidente imponesse sanzioni a Mosca per una possibile invasione dell’Ucraina, temono gli alleati europei degli Stati Uniti. Inoltre, in caso di azione militare e successive sanzioni energetiche contro la Russia, l’Europa sarà la prima e la più colpita, inclusa la fornitura di gas dal monopolio russo del gas Gazprom, affermano gli analisti.

Martedì, il segretario stampa Psaki ha affermato che gli Stati Uniti stavano lavorando per identificare ulteriori volumi di gas naturale non russo dal Nord Africa e dal Medio Oriente, dall’Asia e dagli Stati Uniti

“Stiamo discutendo con i principali produttori di gas naturale in tutto il mondo per comprendere la loro capacità e volontà di aumentare temporaneamente la produzione di gas naturale e di allocare questi volumi agli acquirenti europei”, ha aggiunto Psaki.

“E ci stiamo anche impegnando con i principali acquirenti e fornitori di LNG per garantire la flessibilità dei contratti esistenti e la gestione dello stoccaggio e consentire la diversione verso l’Europa”, ha affermato, aggiungendo che fino a martedì non ci sono stati annunci da parte dei produttori di gas di Fare.

Mercoledì, Psaki ha riconosciuto che “non c’è dubbio che ci siano sfide logistiche, in particolare lo spostamento del gas naturale. Lo sappiamo. Questo fa parte della nostra discussione con molte di queste aziende e paesi”.

“Ma ancora una volta, queste conversazioni sono in corso e non intendiamo fallire“, ha detto Psaki.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal