attualita' posted by

Il “giusto prezzo”

disoccupati

 

 

 

La mia Capitanata è una terra a vocazione agricola da millenni e buona parte della popolazione è direttamente o indirettamente coinvolta nel settore primario per eccellenza. Ho diversi parenti e amici che hanno oliveti e vigneti e che con questi sostengono le loro famiglie, sperando che il tempo li accompagni e che i prezzi di vendita siano decenti.

Grazie alla liberalizzazione che i #mercati hanno imposto all’Italia tramite la U€, l’eccellenza enogastronomica nostrana è stata messa in concorrenza con prodotti provenienti da Regioni e Paesi che sono MOLTO al di sotto ai nostri standard di vita e tutto ciò ha portato ad una sensibile e costante riduzione dei margini, costringendo in molti casi gli operatori nazionali a lasciar marcire il raccolto nei campi o sulle piante. È accaduto con le olive/olio provenienti ad es. dalla Turchia, con gli agrumi del Magreb, con il pomodoro cinese, con il grano dell’Europa dell’est, con il riso vietnamita e con troppe altre cose. La qualità di detti prodotti importati è innegabilmente meno pregiata o spesso propriamente scadente ma, soprattutto di questi tempi, un prezzo più conveniente è vincente al supermercato e la gente troppe domande non può più porsele. La conferma arriva dai dati annuali di ISTAT che ci dicono di un costante e inarrestabile calo della spesa anche per il cibo, con il crollo delle vendite dei supermercati (-4%) ma ancor di più degli ipermercati (-4.4%), mentre le catene a basso costo (discount) vedono crescere i loro fatturati in modo molto lieve (+0.4%).

Il prezzo per un quintale di olive nel foggiano, nel 2013, è variato dai 28 ai 42 euro. Prezzo che, soprattutto nel massimo periodo di raccolta, arrivò ai già citati €28 non ti fa coprire neanche le spese sostenute. Faccio presente che la resa per ogni quintale di olive varia da frutto a frutto: va dai 13 litri per le migliori qualità sino ai 18/20 per talune meno pregiate. L’olio extravergine che uscì dai frantoi lo scorso anno è stato venduto tra i 4 e 5 €uro per litro. Lo scorso anno tutti i possessori di piccoli chiuseti hanno preferito macinare, cercando in questo modo di aver miglior remunerazione dal loro anno intero di fatiche.

Quest’anno, complice la brutta stagione e qualche insetto di troppo, la quantità e piuttosto scarsa e il prezzo per quintale è schizzato a 60€.

Tutto questo ragionamento serve ad affermare ancora una volta che “il giusto prezzo” non esiste, poiché le variabili da tenere sotto controllo sono troppe e troppo divergenti. Tutto è legato a domanda VS offerta: quando queste due variabili si incontrano scaturisce il “giusto prezzo”. Una marginale scarsità di prodotto, qualsiasi esso sia, tende a far alzare il suo prezzo. Così fu per il petrolio negli anni ’70 (e fu per quel motivo che nei Paesi industrializzati l’inflazione galoppò, ad eccezione di Germania e Giappone che preferirono fare deflazione interna, facendo pagare alla classe lavoratrice il salatissimo conto).

I #mercati come si difendono? Abbattendo qualsiasi vincolo creato per proteggere lavoratori, economia e alla fine Stato nazionale, mettendo in concorrenza prodotti provenienti dove la componente “manodopera” è infinitamente meno onerosa. La giornata di un bracciante agricolo nel foggiano costerebbe intorno ai 50/60 €uro netti ma con la crisi che c’è si arriva a pagare anche meno di 40: con 3 sole giornate lavorative paghi per un mese un omologo tunisino: vuoi mettere?

Deve essere uno Stato degno di questo nome a fare in modo che ciò non avvenga e gli strumenti a disposizione ci sono sempre stati. Tutto questo esisteva in Italia sino a quando non si decise di aderire al progetto ammazza popoli denominato U€.

Questa teoria è applicabile per qualsiasi merce: quello che sta accadendo sul mercato del lavoro è un limpido esempio: tanto più ALTA sarà la disoccupazione e tanto maggiormente i lavoratori si accontenteranno di paghe più BASSE. Così BASSE  da poter competere sui mercati internazionali con l’olio turco o col limone magrebino.

CONFINDUSTRIA  dice cche è necessario tagliare le tasse, e in effetti è vero, ma …. per comprimere i costi del lavoro tanto da metterli in linea con la “concorrenza” NON vi è abbattimento di tasse che tenga. A meno che non si intenda SMANTELLARE completamente lo Stato, negando anche i servizi basilari come sanità, istruzione e quel poco di stato sociale che ancora ci resta. Ma forse è proprio quello che vogliono: lo scopo è impossessarsi dei MONOPOLI che scaturirebbero da tutto ciò, trasformandoli in oligopoli, così come accaduto per telefonia, assicurazioni, banche ecc.

In pratica e detto brutalmente, la gente che lavora è a tutti gli effetti MERCE.

Cari amici, siamo carne da macello. Le riforme varate non sono che l’antipasto di quelle che verranno in futuro.

Per comprimere i costi del lavoro tanto da metterli in linea con la “concorrenza” NON vi è abbattimento di tasse che tenga. A meno che non si intenda SMANTELLARE completamente lo Stato, negando anche i servizi basilari come sanità, istruzione e quel poco di stato sociale che ancora ci resta. Ma forse è proprio quello che vogliono per impossessarsi dei MONOPOLI che scaturirebbero da tutto ciò.

Senza le barriere di protezione necessarie e senza che si riesca a riportare le aziende a produrre nuovamente in loco, SOPRATTUTTO per gli italiani, torneremo al basso medio-evo nell’arco di qualche lustro.

Contrariamente a quanto dicono, una Nazione grande come l’Italia non può vivere SOLO di esportazioni e turismo. Senza un florido mercato interno siamo destinati ad essere gli schiavi di qualche multinazionale apolide.

Roberto Nardella.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog