attualita' posted by

Giornalista di Las Vegas ha votato 8 volte, e nessuno se ne è accorto

Vi riportiamo l’articolo di un giornalista di Las Vegas , Victor Joecks, che è riuscito a votare 8 volte nella Clark County (la contea dove sorge la nota città dei divertimenti) tramite il voto postale, verificato solo con la firma. Vediamo cosa dice:

I funzionari della Contea di Clark hanno accettato la mia firma su otto buste di ritorno delle schede elettorali durante le elezioni generali. È un’ulteriore prova del fatto che la verifica della firma è una misura di sicurezza imperfetta. Per mesi, i funzionari elettorali hanno detto agli abitanti del Nevada di non preoccuparsi delle schede che si accumulavano nei bidoni della spazzatura degli appartamenti o che venivano inviate a indirizzi sbagliati.

“Le schede elettorali scartate non possono essere ritirate e votate da chiunque”, direbbe un foglio informativo del segretario di stato.

“Tutte le schede elettorali devono essere firmate sulla busta di ritorno della scheda”. Questa firma viene usata per autenticare l’elettore e confermare che è stato effettivamente l’elettore e non un’altra persona a restituire la scheda”.

Volevo testare questa affermazione simulando ciò che potrebbe accadere se qualcuno restituisse schede che non gli appartengono. Molte persone hanno avuto questa opportunità. Billy Geurin, un abitante di Las Vegas di 10 anni, ha trovato cinque schede gettate nel suo appartamento. Un lettore mi ha inviato per e-mail una foto di una pila di posta sul ciglio della strada, che includeva schede sciolte. Ci sono numerose foto di esempi simili sui social media.

Nove persone hanno partecipato a questo test. Ho scritto i loro nomi in corsivo usando la mia normale calligrafia. Hanno poi copiato la mia versione del loro nome sulla loro busta elettorale. Questo processo in due fasi è stato necessario per garantire che non venisse infranta alcuna legge.

Lunedì ho chiesto al cancelliere della contea di Clark, Joe Gloria, di questo scenario. Se le schede firmate da qualcun altro “fossero arrivate, avremmo ancora la capacità di valutare della firma su cui fare affidamento per l’identità”, ha detto. Alla domanda se era sicuro che la salvaguardia avrebbe identificato quelle schede, ha detto: “Sono sicuro che il processo ha funzionato durante tutto il processo”.

Si sbagliava. Otto delle nove schede sono state esaminate. In altre parole, la verifica delle firme ha avuto un tasso di insuccesso dell’89 per cento nella raccolta di firme non corrispondenti.

Questo potrebbe spiegare come una scheda “firmata” da Rosemarie Hartle, morta nel 2017, abbia superato la verifica delle firme, come riportato da 8 News Now. Potrebbe spiegare come a Jill Stokke, residente da tempo a Las Vegas, sia stato detto che la firma sulla sua scheda corrispondeva, anche se ha detto di non averla mai ricevuta.

Nessuna verifica dell’identità, voto postale pessimo, possibilità di votare per altri. questo è stato il voto negli USA: praticamente una caricatura di democrazia.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal