attualita' posted by

Giappone: proteste nelle assemblee dei soci per far riaprire centrali termiche e nucleari. Meglio l’atomo che il buio

In Giappone si protesta.. per riaprire le centrali nucleari! Il 28 giugno, nelle assemblee degli azionisti delle aziende elettriche di tutto il Giappone, sono stati presentati veementi gli appelli per una fornitura stabile di energia, in un momento in cui ai consumatori è stato chiesto di ridurre l’utilizzo di energia a causa del caldo torrido.

“Chiedere ai consumatori di ridurre il consumo di energia per superare la crisi energetica non è il modo in cui un’azienda elettrica dovrebbe essere gestita“, ha dichiarato il governatore di Tokyo Yuriko Koike, azionista della famosa TEPCO, Tokyo Electric Power Company Holdings Inc, la società della gestiva la centrale nucleare di Fukushima

Alcuni azionisti hanno chiesto con rabbia che le centrali nucleari vengano rimesse in funzione al più presto, poiché ritengono che gli impianti forniscano energia stabile al paese  e aiutino i profitti delle società elettriche.

A Tokyo, il governatore Koike ha proposto all’assemblea degli azionisti della Tokyo Electric Power Company Holdings Inc. di aggiungere nel suo statuto un articolo che garantisca una fornitura stabile di energia. Un invito velato, ma non troppo, a riaprire le centrali termiche e nucleari

“La vostra società ha emesso una serie di avvisi che mettono in guardia sulla scarsità di energia elettrica“, ha detto la Koike durante la seduta nel quartiere Koto di Tokyo, riferendosi agli avvisi degli ultimi giorni.

La proposta è stata bocciata, ma altri azionisti hanno espresso preoccupazione per una possibile interruzione dell’elettricità durante le discussioni su altre questioni. Il presidente di TEPCO Holdings, Tomoaki Kobayakawa, ha chiesto agli azionisti di comprendere la sfida che l’azienda deve affrontare per raggiungere sia la decarbonizzazione che una fornitura stabile di energia.

“È una sfida formidabile da affrontare”, ha dichiarato, ma appare interessante che gli “Obiettivi internazionali” sia perseguiti dalle società, mentre i cittadini voglio elettricità a basso prezzo e continua.

La crisi energetica è stata in parte causata dallo smantellamento o dalla sospensione delle attività delle centrali termiche della TEPCO negli ultimi anni per ridurre le emissioni di anidride carbonica. Questo ha riacceso le richieste di riavviare le centrali nucleari per colmare la mancanza di energia elettrica.  Anche il governo centrale sta spingendo per il riavvio delle centrali nucleari, affermando che dovrebbero essere utilizzate al massimo.

Alla riunione della Chubu Electric Power Co. un azionista ha espresso la sua frustrazione per il fatto che la centrale nucleare di Hamaoka, nella prefettura di Shizuoka, è rimasta inattiva per più di 10 anni. “Se l’impianto fosse stato rimesso in funzione, le preoccupazioni dei consumatori per la carenza di energia elettrica sarebbero state attenuate“, ha detto l’azionista. “Si sarebbe potuta evitare anche un’impennata delle tariffe elettriche a causa dell’aumento dei prezzi dei combustibili fossili“.

Il governo centrale ha chiesto alla Chubu Electric di chiudere l’impianto dopo il disastro nucleare di Fukushima del 2011, poiché la struttura si trova in un’area in cui si prevede un mega-terremoto in mare aperto entro decenni.

Sebbene i governi locali che ospitano l’impianto nucleare di Shimane, nella prefettura di Shimane, abbiano dato il consenso al riavvio, un azionista dell’operatore, la Chugoku Electric Power Co, ha sollevato preoccupazioni sulla sicurezza e sull’efficienza economica dell’impianto durante l’assemblea degli azionisti. Comunque il presidente di Chugoku Electric, Natsuhiko Takimoto, ha promesso di fare tutto il possibile per utilizzare l’impianto.

Quindi il Giappone è veramente su un altro pianeta: qui comunità e cittadini, soprattutto azionisti, chiedono di avere la sicurezza delle forniture energetiche, anche a costo di riattivare le centrali nucleari. Non si fanno domande tipo “Vuoi la pace o l’aria condizionata”, sanno che ogni cosa ha un suo rischio, calcolato, e se è il caso decidono di correrlo. I Nimby sono una nostra specialità


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal