consumi ed investimenti posted by

Gelata del mercato dell’auto -3,8% a Maggio 2014

 Riassumiamo i dati del mercato dell’auto in Italia:

  • A Maggio mercato dell’auto -3,8% (+3,2% nei primi 5 mesi), ed il livello di vendite destagionalizzato e’ quasi il 50% piu’ basso dei livelli dei primi anni del decennio scorso (siamo ai livelli di vendite di fine anni 60)

  • Le vendite a privati e famiglie restano su livelli disastrosi,

  • A Maggio raccolta ordini +3,6% (+8% nei primi 5 mesi),

  • Il gruppo Fiat-Chrysler fa -11% (quota da 30,2% a 27,9%) in Italia, mentre fa +17% negli USA

 gpg01 - Copy (232) - Copy - Copy

 QUI trovate tutti i dati statistici di dettaglio

Da Unrae – Come prevedibile, dopo 5 mesi di segno positivo – un’inversione di tendenza tecnica, figlia di confronti con periodi precedenti molto severi e del ricambio necessario del settore noleggio – il mercato dell’auto in Italia segna una battuta d’arresto con un calo in maggio del 3,8% rispetto all’anno precedente. Il cumulato dei cinque mesi resta però leggermente positivo (+3,2%).

I risultati del mese di maggio diffusi oggi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti indicano, infatti, un calo nel mese del 3,8% con 131.602 vetture immatricolate, rispetto alle 136.850 di un anno fa, il risultato più basso per lo stesso mese dal 1990. Nei 5 mesi le immatricolazioni ammontano a 628.719 unità, con una variazione positiva del 3,2% rispetto alle 609.505 unità del gennaio-maggio 2013.

 Nel mese di maggio oltre una vettura su quattro immatricolate è a noleggio, canale di vendita che raggiunge la quota più alta di sempre con il 27,1% del totale. In particolare, la spinta sembra arrivare prevalentemente dal lungo termine, per effetto del posticipato rinnovo dei contratti, che ha caratterizzato lo scorso anno. Come più volte ripetuto, resta un grande problema il livello di vendite ai privati e alle famiglie, un problema che ha impatto diretto sui risultati economici delle Case e delle loro Reti di vendita, perché i volumi dei 5 mesi restano inferiori a quelli dello scorso anno (384.429 vs. 390.980, in calo dell’1,7%).

 “Come prevedibile, le famiglie stanno beneficiando in misura decisamente limitata degli incentivi sulle vetture a Basse Emissioni Complessive (BEC), perché questi si sono rapidamente esauriti e sono circoscritti agli acquisti di vetture GPL, metano, ibride ed elettriche che rappresentano meno del 20% della domanda nel canale privati”.

Secondo quanto anticipato, l’analisi della struttura del mercato indica per gli acquisti delle famiglie una quota che si ferma al 58,1% del totale, tra le più basse della nostra storia, e 77.053 immatricolazioni, in flessione del 5,7% sui risultati del maggio 2013. I noleggi raggiungono, invece, il 27,1% di quota sul mese (+3,6% in volume), mentre la crescita in gennaio-maggio è del 20,4%, al 23,4% di rappresentatività. Infine, le società si attestano ad una quota del 14,8% in maggio, con un calo in volume del 7,3% (+1,5% nei 5 mesi 2014).

Le forti azioni commerciali sviluppate sotto l’ombrello degli incentivi statali hanno consentito alle immatricolazioni a Gpl e metano di tornare a crescere in maggio, rispettivamente +7,9% e +2% in volume.

 Stesso volume del mercato del nuovo è stato registrato dalla raccolta contratti che, da un primo scambio di informazioni fra UNRAE ed ANFIA, indica in maggio 132.000 unità, in crescita del 3,6% sui risultati del 2013. Nei 5 mesi la crescita è superiore all’8% a circa 640.000 contratti complessivi.

 Per chiudere il quadro del mercato, da rilevare il forte calo evidenziato dal settore dell’usato. I trasferimenti di proprietà di autovetture, comprensivi delle minivolture, infatti, in maggio hanno segnato una riduzione del 10% a 349.883 unità complessive, portando in flessione anche i primi 5 mesi dell’anno: -1,7% e 1.787.417 trasferimenti totali, 30.000 unità in meno di un anno fa.

 

1 Comment

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog