attualita' posted by

Gas Naturale: blocco omologazione Nord Stream 2. Saremo al freddo o in mutande

 

I prezzi del gas naturale europeo sono aumentati fino al 12% martedì dopo che il regolatore energetico tedesco ha sospeso inaspettatamente un passo fondamentale nel processo di approvazione per il gasdotto Nord Stream 2. Secondo Bloomberg, la Agenzia Federale di Rete tedesca ha interrotto il processo di certificazione Nord Stream necessario per pompare natgas direttamente dalla Russia in Germania. Inizialmente ci si aspettava che la certificazione sarebbe stata completata all’inizio del 2022, ma ora sembra improbabile.

La mossa arriva quando Nord Stream 2 AG, l’operatore del gasdotto, ha deciso di costituire una filiale tedesca nel tentativo di soddisfare le norme dell’Unione Europea che richiedono che i produttori di gas siano legalmente separati dalle entità che trasportano il carburante. La russa Gazprom PJSC, che produce e vende il gas natual,  è proprietaria di Nord Stream 2.

Il regolatore tedesco ha affermato che l’entità “deve quindi soddisfare i requisiti dell’Energy Industry Act per un operatore di rete di trasporto indipendente”. Ha aggiunto, “il processo di certificazione rimane sospeso”.

L’annuncio ha fatto aumentare i prezzi del gas europeo di riferimento poiché i commercianti temono che la decisione significhi che l’Europa non avrà molto gas necessario per facilitare le forniture limitate questo inverno. Il gas olandese per il mese prima, il punto di riferimento europeo, è salito fino al 12%, superando gli 88 euro al megawattora.

“Se si ritiene che i flussi possano iniziare solo dopo il completamento della certificazione, ciò significa che i flussi attraverso il Nord Stream 2 subiranno ulteriori ritardi, con implicazioni negative per il bilancio del gas europeo durante l’inverno”, ha affermato Katja Yafimava, ricercatrice senior presso l’Università di Oxford. Istituto per gli studi sull’energia.

Il momento della sospensione arriva nel momento peggiore possibile. L’Europa sta affrontando una massiccia crisi energetica poiché le scorte di natgas sono le più basse in un decennio proprio mentre l’Europa affronta la sua prima esplosione invernale fredda. Temperature molto al di sotto della media continuano ad affliggere parti del continente, come mostra il seguente grafico dei gradi giorni di riscaldamento dell’Europa nordoccidentale.

Nel frattempo, i livelli di stoccaggio di natgas in Europa sono i più bassi dal 2013.

La sospensione priva l’Europa di nuove forniture fino a 55 miliardi di metri cubi di gas all’anno transitati in un gasdotto sottomarino attraverso il Mar Baltico dagli impianti di Gazprom in Russia alla Germania e poi distribuiti in tutta Europa, aggirando efficacemente i gasdotti che attraversano l’Ucraina.

James Waddell di Energy Aspects, una società di consulenza, ha dichiarato a FT che “ogni speranza residua che questo gasdotto sarebbe disponibile per l’inverno è ora completamente svanita ora”.

“Sembra sempre più che potrebbe non iniziare fino alla seconda metà del prossimo anno.

“La mancanza di gas in stoccaggio e la mancanza di forniture russe significano essenzialmente che dobbiamo tagliare la domanda industriale al fine di preservare le forniture di gas cruciali per le reti elettriche e di calore. L’Europa deve ridurre pesantemente la domanda di gas industriale in un modo che abbiamo non si vedeva da decenni”, ha detto Waddell.

Nel frattempo, forse intuendo che l’Europa avrebbe complicato le cose, lunedì Samantha Dart di Goldman Sachs ha scritto che “l’asta odierna della capacità dell’oleodotto Yamal per dicembre indica nessuna prenotazione da Gazprom, contro i nostri 45 milioni di metri cubi/giorno previsti”. E mentre “i volumi di prenotazione non garantiscono il flusso, come illustrato dai flussi di Yamal per ottobre e finora a novembre rispettivamente a 14 mmc/g e 10 mmc/g, contro prenotazioni a poco più di 30 mmc/g per entrambi i mesi” ha aggiunto. che la mancanza di prenotazioni “mantiene elevata l’incertezza dell’offerta fino alla fine dell’anno”.

L’Europa si sta avviando verso un disastro energetico, con forniture insufficienti e scorte che non riescono a costituirsi, a fonte di un inverno sempre più freddo. Dovremo aspettaci delle punte elevatissime del prezzo spot, anche perchè Putin aveva fatto capire che senza omologazione di Nord Stream 2 avrebbe avuto un atteggiamento molto meno benevolo. I tedeschi invece gli han dato uno schiaffo secco, e rischiano di pagarne le spese. Insieme a noi…


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal