attualita' posted by

FMI: EUROZONA…DEVI FARE TUTTE QUESTE RIFORME (in pratica il nuovo programma di Renzi….e non sono né legge elettorale, né senato)

A livello governativo e di BCE

La riduzione dei disavanzi e del debito può ridurre i costi di finanziamento esterno per le imprese e le banche. Un allentamento monetario aggiuntivo può svolgere un ruolo importante nel sostenere la domanda e facilitare riequilibrio interno all’euroarea, stimolando la domanda, soprattutto nelle economie in surplus con i sistemi finanziari più sani, e sostenendo adeguamenti dei prezzi relativi, che sono più facili da ottenere con tassi di inflazione vicino al 2 per cento rispetto ai livelli più bassi che sono previsti nel breve e medio termine. Nel settore finanziario molto in termini di riparazione resta ancora da fare e sarà essenziale sia fatto per poter riavviare forti investimenti in settori tradable. Una vera unione bancaria faciliterà il riequilibrio in corso e la riparazione delle banche.

 

La svalutazione interna

Il raggiungimento di svalutazioni interne, che rappresentano il deprezzamento della REER attraverso l’abbassamento dei salari nominali e/o il miglioramento della produttività rispetto ai partner commerciali è una via da seguire anche se è un processo che può essere lungo e doloroso in un ambiente con rigidità nel mercato del lavoro. Inoltre, le svalutazioni interne possono essere difficili quando l’inflazione dei partner commerciali è bassa e può esacerbare i problemi di eccesso di debito.

Le svalutazioni interne, difatti, possono minare la ripresa della domanda interna rallentando così la chiusura del gap e il riequilibrio interno dei paesi in disavanzo.

Se le riforme strutturali aumentano la produttività nel corso del tempo invece possono facilitare le regolazioni. Mentre i miglioramenti di produttività avrebbero lo stesso effetto dei tagli ai salari nominali, essi appaiono più desiderabile nel medio termine, rilanciano meglio la domanda.

 

Dalla crisi, i paesi in deficit hanno compiuto grandi sforzi per migliorare i loro mercati del lavoro o di prodotto ma molte riforme sono ancora necessarie nei paesi in deficit. Nel contesto di sotto-occupazione, come ad esempio nei paesi in deficit, i guadagni di produttività non solo migliorerebbero le prospettive future, ma aumenterebbero anche il reddito corrente, che verrebbe in parte salvato. Quest’ultimo effetto potrebbe contribuire a migliorare l’equilibrio risparmio-investimento.

 

Regolazione dei salari relativi.

Le riforme incentrate sulla rimozione di rigidità dei salari verso il basso nei paesi in disavanzo aumenteranno la velocità di regolazione e il contenere i costi in termini di disoccupazione (come i salari saranno più sensibili ai cambiamenti nel mondo del lavoro). Ma tali politiche potrebbero verosimilmente influire negativamente sulla domanda e quindi rallentare il ritorno di equilibrio interno. Abbassare il cuneo fiscale faciliterebbe la svalutazione interna (tramite abbassamento delle imposte sul lavoro e aumento delle tasse di consumo, noto come una svalutazione fiscale) potrebbe aiutare .

 

Riduzione dei salari pubblici

Potrebbero in teoria contribuire alla regolazione, migliorando la posizione di bilancio, in particolare se queste riforme hanno un effetto sui negoziati dei salari del settore privato. Tuttavia, l’esperienza della Lettonia suggerisce che il principale vantaggio di breve periodo di questa misura è probabile che sia sul fronte fiscale, con un impatto limitato sui salari privati ​.

 

Aumentare la produttività e facilitare la riallocazione delle risorse, migliorando il funzionamento del markets lavoro.

Ridurre mercato del dualismo del lavoro in grado di migliorare i flussi di lavoro dentro e fuori di disoccupazione, e la formazione dei lavoratori. Sarebbe utile una regolazione che facilita la riallocazione delle risorse da non tradable al tradable.

Migliorare la flessibilità del mercato del lavoro può contribuire ad una maggiore produttività del lavoro, migliorando i flussi tra le imprese e salari allineati alla produttività. L’assicurazione contro la disoccupazione potrebbe contribuire a mitigare gli impatti negativi a breve termine di queste riforme in materia di occupazione e le politiche macroeconomiche di sostegno sono fondamentali per sostenere la creazione di posti di lavoro invece di abbassare il costo del lavoro.

 

Riforma del mercato del prodotto.

Deregolamentazione dei mercati dei prodotti in grado di sollevare la produttività e promuovere la crescita sostenibile all’interno di un più stretto controllo di finanziamenti esterni. Ridurre le barriere all’ingresso può aiutare l’espansione delle industrie tradable. Abbassando i costi, le riforme dei servizi e delle industrie di rete possono svalutare il tasso di cambio reale e quindi migliorare la domanda di lavoro nelle industrie scambiabili senza la necessità di tagli dei salari nominali. La pressione della concorrenza dall’entrata in grado di stimolare l’innovazione nelle imprese esistenti nei settori tradable. Riforme del mercato del prodotto possono elevare la qualità e la disponibilità di input intermedi, in particolare da servizi. L’impatto indiretto della liberalizzazione dei servizi e delle industrie di rete sulla Total Factor Productivity (TFP) delle industrie tradable a valle potrebbe essere di grandi dimensioni.

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog