attualita' posted by

Falliscono i colloqui fra India e Cina: nuove tensioni nell’Himalaya

 

I colloqui tra India e Cina sulla contesa regione di confine dell’Himalaya sono falliti, con entrambe le parti che incolpano l’altra per questa situazione di massima tensione. Il confronto rimane quindi alto  tra le due potenze lungo la Linea di controllo effettivo (Line of Actual Control, LAC), che separa il territorio controllato dall’India dal territorio controllato dalla Cina.

Nel 2020, le truppe cinesi e indiane hanno combattuto diverse schermaglie lungo il LAC, inclusa una nel giugno 2020 che si è rivelata mortale, con decine di morti fra entrambe le parti. I colloqui falliti significano che India e Cina continueranno ad avere truppe dispiegate in avanti in Ladakh, dove hanno avuto luogo le schermaglie. La Cina ha attribuito il fallimento a quelle che ha definito “richieste irragionevoli” dall’India.

“La parte cinese ha compiuto grandi sforzi e ha dimostrato pienamente la sua sincerità per promuovere la riduzione della situazione di confine”, ha affermato Long Shaohua, portavoce del Comando del teatro occidentale cinese. “Ma la parte indiana insiste ancora su richieste irragionevoli e irrealistiche, rendendo i negoziati più difficili”.

L’India ha respinto la richiesta cinese e ha affermato di aver fornito “suggerimenti costruttivi” ma che i cinesi “non erano d’accordo” e “non potevano fornire alcuna proposta lungimirante”. Prima della conclusione dei colloqui, il capo dell’esercito indiano ha affermato che la Cina sta cumulando truppe dalla sua parte del confine conteso e costruendo infrastrutture.

“Quindi significa che sono lì per rimanere. Stiamo tenendo d’occhio tutti questi sviluppi, ma se sono lì per rimanere, anche noi siamo lì per rimanere”, ha affermato il Gen. M.M. Naravan.

Secondo una descrizione dell’intensificarsi delle tensioni nei media indiani:

A sud-est della valle di Galwan, dove 20 soldati indiani e almeno quattro cinesi sono morti in scontri nel giugno 2020, Hot Springs si trova nella valle del fiume Chang Chenmo, vicino a Kongka La, un passo che segna la linea di controllo effettivo. Il punto 15 di pattugliamento dell’India, non è un trampolino di lancio per alcuna azione offensiva sebbene l’area abbia visto azioni prima e durante la guerra del 1962.

La riluttanza della Cina a ritirare la sua unità delle dimensioni di un plotone da Hot Springs è un segno delle difficoltà che si trovano nel normalizzare la situazione. Il PLA ha tradizionalmente una base importante a est di Kongka La.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal