attualita' posted by

Esplodono i prezzi dell’energia, in Italia come in California. Pagherete carissimo il “Verde”

Il futuro “Verde” o finto tale, è fatto di bollette carissime, non affrontabili per i poveri, e di caduta nell’affidabilità delle forniture elettriche.

La scorsa settimana, l’operatore di rete statale, il California Independent System Operator, ha emesso un “allarme flessibile” che ha chiesto ai consumatori dello stato di ridurre il consumo di energia “per ridurre lo stress sulla rete ed evitare interruzioni di corrente”.

L’avvertimento del CAISO (California ISO) sull’imminente carenza di elettricità preannuncia un’altra estate piena di blackout mentre i prezzi dell’elettricità della California salgono alle stelle.

Nel 2020, i prezzi dell’elettricità della California sono aumentati del 7,5%, rendendolo il più grande aumento dei prezzi di qualsiasi stato nel paese lo scorso anno e quasi sette volte l’aumento che è stato visto negli Stati Uniti nel loro complesso. Secondo i dati dell’Energy Information Administration, il prezzo dell’elettricità per tutti i settori in California lo scorso anno è balzato a 18,15 centesimi per chilowattora, il che significa che i californiani ora pagano circa il 70% in più per la loro elettricità rispetto alla media americana di tutti i settori tariffa di 10,66 centesimi per kWh. Ancora più preoccupante: si prevede che le tariffe elettriche della California aumenteranno nel prossimo decennio.

L’aumento del costo dell’elettricità aumenterà il peso dell’energia  a carico dei californiani a basso e medio reddito. Gli alti costi dell’energia hanno un effetto particolarmente regressivo in California, che ha il più alto tasso di povertà – e alcuni dei prezzi dell’elettricità più alti – nel paese. Nel 2020, i prezzi dell’elettricità in tutti i settori della California sono stati i terzi più alti negli Stati Uniti continentali, dietro solo a Rhode Island (18,55 centesimi per kWh) e Connecticut (19,19 centesimi per kWh).

I politici della California stanno fornendo un caso di studio su come non gestire una rete elettrica. Inoltre, quel caso di studio mostra cosa potrebbe accadere se i responsabili politici a livello statale e federale decidessero di seguire i mandati di decarbonizzazione radicale della California, che includono un requisito per il 100% di elettricità a zero emissioni di carbonio entro il 2045 e un obiettivo a livello economico di neutralità del carbonio entro il 2045.

Anche se la rete elettrica a brandelli dello stato riesce a malapena a soddisfare la domanda esistente – e più blackout continui sono quasi certi quest’estate – la California continua ad accumulare cattive politiche su cattive politiche. Lo stato ha vietato la futura vendita di auto alimentate da motori a combustione interna che comporterà un drammatico aumento della domanda di elettricità e richiederà, secondo un recente rapporto della California Energy Commission, l’installazione di 1,2 milioni di nuove stazioni di ricarica per veicoli elettrici entro il 2030. I divieti sul gas naturale aumenteranno ulteriormente la domanda di elettricità. Applauditi dal Sierra Club, che sta ricevendo decine di milioni di dollari dal miliardario Michael Bloomberg, circa 46 comunità californiane hanno vietato l’uso del gas naturale nelle case e nelle aziende. A rendere il tutto ancora più assurdo, è che la California si impegna a raggiungere questi obiettivi mentre chiude l’ultima centrale nucleare rimasta dello stato, la Diablo Canyon Power Plant, che da sola produce quasi il 10% di tutto il succo consumato in California.

Alla fine i costi della Decarbonizzazione sono perfettamente e completamente regressivi: pesano tantissimo sui poveri, con aumenti del 39 % dal 2010 al 2020, e sono ininfluenti per i ricchi. L’ennesimo colpo alle classi sociali più disagiate, ma i poveri non sono interessanti per Greta, per Bloomberg o per gli altri ricchi filantropi ambientalisti. 

L’Italia è diversa? No, è anche peggio. Secondo Nomisma energia sin da luglio “In base ai dati preliminari è possibile stimare per l’elettricità un aumento intorno al 12% e per il gas oltre il 21%, entrambi balzi record mai visti in passato”“Ciò spinge a prevedere un tasso di inflazione in forte accelerazione nei prossimi mesi”. Vediamo ancora: La spinta più rialzista giunge dai prezzi della CO2 che hanno raggiunto record a 55 euro per tonnellata, il doppio di fine 2020, sulla spinta degli impegni sempre più stringenti dell’Unione Europea sul taglio delle emissioni dei gas serra”.

Quindi il mix di prezzi in crescita e delle politiche europee sul CO2 rischia di mandare in tilt le famiglie italiane. Per chi consuma poco ( 3 kw) si parla di un aumento dei prezzi i 66 euro a famiglia per la luce e 284 per il gas all’anno. Avremo famiglie povere sempre più povere, spesso al limite dell’indigenza. Ma questo è una conseguenza diretta del Green Deal voluto dalla Commissione e dalla maggioranza del Parlamento a cui ci siamo supinamente adattati senza che nessuno abbia valutato le ricadute economiche e sociali delle scelte e abbia predisposto in anticipo fonti energetiche alternative.

Pagherete caro, pagherete tutto, per i desideri di un pugno di ricchi


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal