attualita' posted by

ECONOMIA UK REGGE ALLA GRANDE NEL TERZO TRIMESTRE

Secondo la BBC:

Nell’articolo la BBC riporta che:

“L’economia del Regno Unito è cresciuta dello 0,6% nei tre mesi fino a settembre, con il caldo che ha stimolato la spesa dei consumatori, secondo l’Office for National Statistics.

Tuttavia, la vivace crescita di luglio è stata compensata da un rallentamento in agosto e settembre.

È il più alto valore di crescita trimestrale dal quarto trimestre del 2016, quando l’economia è cresciuta dello 0,7%.

Gli analisti hanno avvertito che l’economia aveva “poco impulso di fondo” e che la crescita sarebbe diminuita negli ultimi tre mesi.

L’ONS ha anche emesso una cifra mensile separata per settembre , che, come il mese precedente, ha mostrato una crescita zero.

I servizi, che costituiscono i tre quarti dell’economia, sono cresciuti solo dello 0,3% nei tre mesi fino a settembre.

Dopo un avvio lento dell’anno, l’attività di costruzione è cresciuta del 2,1% nel trimestre. Anche il settore manifatturiero è cresciuto dopo un lento secondo trimestre, grazie ai forti numeri di produzione automobilistica del trimestre.

La spesa delle famiglie è cresciuta dello 0,5% nel trimestre, ma gli investimenti delle imprese si sono ridotti dell’1,2%, suggerendo l’incertezza delle aziende rispetto agli effetti della Brexit.

Secondo le previsioni, gli investimenti delle imprese avrebbero dovuto aumentare dello 0,2%. Ora ha contratto per tre quarti di fila.

Il quadro generale è quello di un’economia che si sta ancora riprendendo da un inizio dell’anno eccezionalmente debole. La produzione e la produzione di energia hanno entrambi avuto un trimestre forte e il tempo ha giocato nuovamente la sua parte a luglio, dato che il sole e la Coppa del Mondo hanno stimolato la spesa dei consumatori. È il trimestre più forte da quasi due anni, ma l’economia non ha mantenuto il forte slancio di luglio, con agosto e settembre che non hanno registrato alcuna crescita aggiuntiva.

Preoccupante ma forse non sorprendentemente, gli investimenti delle imprese sono diminuiti bruscamente, facendo coincidere la prova aneddotica della cautela delle imprese in vista della Brexit. Anche se la produzione di automobili è aumentata rispetto al secondo trimestre di quest’anno, è in calo rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e le vendite di auto nazionali sono state molto deboli – sono le esportazioni a mantenere il settore automobilistico in continua crescita.

Molteplici per il cancelliere per essere allegro oggi, ma un terzo trimestre di investimenti aziendali in calo – la prima volta che è accaduto dopo la crisi finanziaria – mostra che le aziende pensano che il sole possa splendere ora, ma grandi nuvole si profilano.

Segni di debolezza”

Il cancelliere Philip Hammond ha dichiarato: “La crescita positiva odierna dello 0,6% è la prova della forza di fondo della nostra economia: stiamo costruendo un’economia che funziona per tutti, con 3,3 milioni di persone in più di lavoro, una disoccupazione più bassa in ogni parte del paese e i salari crescono al loro ritmo più veloce in quasi un decennio “.

Rob Kent-Smith, capo dei conti nazionali dell’ONS, ha dichiarato: “L’economia ha visto un’estate forte, anche se la crescita economica a lungo termine è rimasta contenuta. Vi sono alcuni segnali di debolezza a settembre, con un rallentamento delle vendite al dettaglio e una contrazione degli acquisti di auto nazionali.

“Tuttavia, la produzione di auto per l’esportazione è cresciuta nel corso del trimestre, aumentando la produzione in fabbrica, mentre le importazioni di autoveicoli sono diminuite notevolmente, contribuendo a migliorare la bilancia commerciale della Gran Bretagna”.

Samuel Tombs, chief economist UK di Pantheon Macroeconomics, ha dichiarato: “Due mesi consecutivi di stagnazione del PIL sottolineano che l’economia ha poco slancio e che il forte tasso di crescita del quarto trimestre riflette semplicemente il rimbalzo meteorologico in estate.

“La ripartizione della spesa del PIL, nel frattempo, mostra che gli investimenti delle imprese sono diminuiti dell’1,2% trimestre su trimestre nel 3 ° trimestre, portando il totale calo dal picco del 4 ° trimestre 2017 al 2,4%. Il rischio di una Brexit senza accordo è il chiaro autista della crisi. “

Suren Thiru, responsabile dell’economia delle Camere di commercio britanniche, ha dichiarato: “È probabile che la crescita più forte registrata nel terzo trimestre sia una tantum per l’economia del Regno Unito, con la persistente incertezza della Brexit e la stretta finanziaria su consumatori e imprese probabilmente peserà sempre più sull’attività economica nei prossimi trimestri “.

Buona lettura.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog