attualita' posted by

Cop26: micro accordo sulle emissioni di metano (mucche tremate)

 

 

Martedì, durante la conferenza COP26 di Glasgow, oltre 100 paesi, inclusi gli Stati Uniti, si sono impegnati a ridurre le emissioni di metano del 30% entro il 2030. Peccato che  i paesi che sono fra i maggiori emettitori, cioè Cina, Russia e India, non hanno firmato il “Patto globale sul metano”, che vede invece in prima fila, invece, USA e UE. Non include neppure l’Australia, le cui miniere di carbone sono fra le maggiori fonti di emissioni non controllate di metano.

A dover essere ridotte sono soprattutto le emissioni dai rifiuti e dall’agricoltura, derivanti essenzialmente… dalle deiezioni gassose delle mucche e degli altri bovini. Povere bestie.

Tuttavia, gli Stati Uniti, che hanno contribuito a guidare l’impegno, hanno aiutato a reclutare dozzine di nuovi paesi dopo che solo una manciata era disposta a firmare a settembre. Secondo il FT, il numero di paesi che hanno sostenuto l’iniziativa è cresciuto da soli sei membri quando è stata inizialmente annunciata a settembre, a 105 al suo lancio ufficiale ai colloqui dei leader mondiali di Glasgow martedì. Sarà interessante capire come verrà misurata  la minore emissione di metano, quale sarà il sistema scientifico utilizzato…

Il presidente Joe Biden ha descritto il piano per il metano come un “punto di svolta” quando ha annunciato il piano martedì, che ha introdotto insieme a un nuovo piano separato che delinea le regole sulle emissioni degli Stati Uniti.

“Una delle cose più importanti che possiamo fare in questo decennio decisivo per mantenere 1,5 gradi [il riscaldamento globale] a portata di mano è ridurre le nostre emissioni di metano il più rapidamente possibile”.

Secondo il FT, il metano ha 80 volte il potenziale di riscaldamento dell’anidride carbonica in un periodo di 20 anni, il che lo rende fondamentale per gli sforzi per affrontare il riscaldamento globale. L’iniziativa ha stimato che un calo del 30% delle emissioni di metano entro il 2030 ridurrebbe il riscaldamento globale di almeno 0,2 °C entro il 2050. I nuovi piani della Casa Bianca, proposti dall’EPA, vanno oltre qualsiasi precedente regolamentazione del metano negli Stati Uniti, che potrebbe costringere gli operatori di infrastrutture nuove ed esistenti a prestare particolare attenzione al monitoraggio delle fughe di gas.

Secondo quanto riferito, le temperature globali sono aumentate di circa 1,1 gradi Celsius dai tempi preindustriali. Il fatto che gli Stati Uniti siano stati in grado di convincere più di 100 nazioni ad aderire al piano per il metano significa che il presidente Biden può dichiarare almeno una vittoria per la sua presidenza mentre la sua agenda interna crolla a casa, specialmente quando W.Va. Sen. Joe Manchin si è opposto ad alcuni aspetti del pezzo sul clima del disegno di legge di spesa di Biden.

Contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare, l’industria del petrolio e del gas è stata a lungo divisa sulla sua posizione sul metano. Molti grandi produttori di energia, sotto la pressione degli investitori per migliorare le prestazioni ambientali, hanno sostenuto limitazioni sul metano, mentre alcuni produttori più piccoli si sono opposti a nuove regole (soprattutto perché producono più metano). La Texas Alliance of Energy Producers ha affermato che le piccole imprese energetiche sopporteranno il peso delle nuove regole negli Stati Uniti. Il metano è spesso un co-prodotto dell’estrazione di petrolio, ma di difficile uso, sia per i volumi variabili, sia perché magari i pozzi petroliferi sono lontane dalle infrastrutture come i gasdotti.

Comunque a pagare il conto maggiore saranno le mucche

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal