attualita' posted by

CONTE FA MITRAGLIARE I SUOI SOLDATI. Un paragone storico per mostrare la vera faccia del governo

Nel 1970 Francesco Rosi girava “Uomini contro”,  un duro film sulla prima guerra mondiale. Fra i personaggi centrali Generale folle che manda i suoi uomini al massacro  e quando tentano di ritirarsi dalle mitragliatrici austriache, li fa mitragliare dalle proprie mitragliatrici.Lo potete vedere dal minuto 4,20.

Oggil’Italia è sottoil comando di un Generale simili, un tizio, che si chiama Giuseppe Conte, che prima manda al’assalto gli uomini impreparati e poi lifa prendere d’infilata dalle mitragliatrici della magistratura.

Non ci credete? Leggete.

La Procuralo ha ammesso: il NAS è andato a perquisire l’Ospedale di Codogno e gli altri della zona, in questo momento in quarantena, perchè Giuseppi ha affermato che “Non ha seguito il protocollo”. Un giudice ha il dovere di procedere su notizia di reato, anche quando un ospedale è in quarantena e gestisce una situazione difficile.

Quindi l’ospedale di Codogno, nel pieno di una crisi, con la popolazione attorno in quarantena e medici ed infermieri esauriti da innumerevoli turni, invece di ricevere rinforzi in uomini e mezzi, ricevono una sorta di visita della corte marziale. Mancava che li mettessero al muro, come in una decimazione “Per mantenere alto il morale”.

Intanto il Generale, dopo aver causato una Caporetto per  l’immagine dell’Italia, si diverte ad apparire innumerevoli volte in TV. Dopo aver causato un panico tale che perfino il Kuwait manda un aereo  per evacuare i suoi cittadini, si bea di far finta di fare il capo del governo di un’Italiaormai in liquidazione…

Ha ragione Tremonti.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal
comments powered by Disqus

Seguici:

RSS Feed