Uncategorized posted by

Consumi Energia Elettrica: nuovo tonfo a Dicembre. Il 2012 secondo anno peggiore di sempre: la domanda torna ai valori del 2004

IL 2012 SI CHIUDE A -2,8%: A PASSO DI GAMBERO I CONSUMI CHE TORNANO AI VALORI DI 8 ANNI FA
Dopo due anni di crescita, nel 2012 i consumi di elettricità in Italia tornano a scendere. I primi dati provvisori elaborati da Terna sul fabbisogno di energia elettrica nell’anno appena concluso, fanno segnare una flessione del 2,8% rispetto al 2011: si tratta del calo più consistente da inizio secolo dopo quello del 2009, quando il decremento sull’anno precedente fu pari al 5,7% (vedi Tabella a p.2). Il totale dell’energia richiesta in Italia nel 2012 ammonta a 325,3 miliardi di kilowattora, attestandosi sullo stesso livello di domanda del 2004. A parità di calendario, la diminuzione è del 3,1% in considerazione del fatto che il 2012 ha avuto un giorno lavorativo in più perché bisestile.
Nel corso dell’anno, la dinamica della domanda s’e’ via via deteriorata, come vedete dal grafico allegato.
REGGE SOLO LA LOMBARDIA, CROLLANO SARDEGNA (CAUSA ALCOA) E NORD OVEST
A livello territoriale si registrano crolli in Sardegna (-10,3%) e nella macroarea del Nord-Ovest composta da Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta (-7,7%), mentre in Lombardia la domanda cresce.
BOOM DELLE FONTI EOLICHE E FOTOVOLTAICHE CHE DA SOLE RAPPRESENTANO L’11% DELLA PRODUZIONE
Secondo le prime stime, nel 2012 la domanda di energia elettrica è stata soddisfatta per l’86,8% con produzione nazionale (di cui 62,2% termoelettrica, 13,3% idroelettrica, 1,6% geotermica, 4,0% eolica e 5,6% fotovoltaica) e per la quota restante (13,2%) dal saldo dell’energia scambiata con l’estero. In dettaglio, la produzione nazionale netta (284,8 miliardi di kWh) è in diminuzione del 2,3% rispetto al 2011; in forte aumento le fonti di produzione eolica (+34,2%) e fotovoltaica (+71,8%), in calo le fonti idroelettrica (-8,2%), termoelettrica (-6,3%) e geotermica (-1,4%).
gpg1 4 Copy Consumi Energia Elettrica: nuovo tonfo a Dicembre. Il 2012 secondo anno peggiore di sempre: la domanda torna ai valori del 2004.

A DICEMBRE -3,6% LA DOMANDA

Per quanto riguarda invece il mese di dicembre 2012, la quantità di energia elettrica richiesta in Italia, pari a 26,6 miliardi di kWh, ha fatto registrare una flessione del 3,6% rispetto a dicembre dello scorso anno. Depurata dagli effetti di temperatura e calendario, la variazione della domanda elettrica di dicembre 2012 diventa tuttavia -3,9%. Rispetto al corrispondente mese di dicembre del 2011, si è infatti avuto un giorno lavorativo in meno (19 vs 20) e una temperatura media mensile di circa un grado e mezzo inferiore. I 26,6 miliardi di kWh richiesti nel mese di dicembre 2012 sono distribuiti per il 45,2% al Nord, per il 29,7% al Centro e per il 25,1% al Sud.

A DICEMBRE TENGONO LOMBARDIA, EMILIA E TOSCANA, MALE TRIVENETO, NORD-OVEST E CENTRO-SUD, UN APOCALITTICO -22% IN SARDEGNA
A livello territoriale, la variazione della domanda di energia elettrica a dicembre 2012 si è articolata in maniera differenziata sul territorio nazionale: -2,5% al Nord, -3,1% al Centro e -6,1% al Sud.
A DICEMBRE BOOM DELLE RINNOVABILI, CROLLO DELLE FONTE TERMOELETTRICA (-10,6%) E DELL’IMPORT (-11,7%)
Nel mese di dicembre 2012 la domanda di energia elettrica è stata soddisfatta per un 85,9% con produzione nazionale e per la quota restante (14,1%) dal saldo dell’energia scambiata con l’estero. In dettaglio, la produzione nazionale netta (23,1 miliardi di kWh) è calata di un -2,6% rispetto a dicembre 2011. Sono in crescita le fonti di produzione idrica (+34,5%), eolica (+18,6%) e fotovoltaica (+13,3%). Sono in flessione le fonti termoelettrica (-10,6%) e geotermica (-4,2%).
In termini congiunturali, la variazione destagionalizzata della domanda elettrica di dicembre 2012 rispetto al mese precedente è stata pari a +0,5%. Il profilo del trend si mantiene su un andamento negativo.

gpg1 3 Copy 650x716 Consumi Energia Elettrica: nuovo tonfo a Dicembre. Il 2012 secondo anno peggiore di sempre: la domanda torna ai valori del 2004.

GPG Imperatrice

Seguitemi su  FACEBOOK
Contattami  gpg.sp@email.it

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog