attualita' posted by

Come ti ricatto, con ostaggi, un paese europeo: Alan Kurdi

La nave battente bandiera tedesca Alan Kurdi ormai staziona da cinque giorni di fronte al porto di Malta, appena fuori dalle acque territoriali :

Il modus operandi qui questi gruppi che si ammantano di finalità umanitarie è chiaro: si prendono un po’ di poveracci sulle coste libiche, si imbarcano con l’illusione di poter facilmente sbarcare in Europa, quindi li si usa come ostaggio per forzare questa o quella nazione mediterranea ad accoglierli, solitamente puntando a tenerlo come ostaggio sulle navi, prendendo tutti per sfinimento.

Le normative navali erano state scritte non prevedendo azioni del genere , ma per situazioni “Ordinarie”in cui una nave vera tra trasporto, nel suo ordinario viaggio, incrociava un gruppo di naufraghi. Nessuno prevedeva una situazione in cui una nave andasse per il mare a cercare immigrati irregolari da portare sulle coste europee con lo stesso impegno con cui i portoghesi e  gli olandesi battevano le coste dell’Africa occidentale nel XVII e XVIII secolo.

In cinque giorni, a poco più di 18 nodi, la Alan Kurdi sarebbe già oltre le coste belghe, in 7 giorni sarebbe in porto ad Amburgo, Germania, paese di cui batte la bandiera. Essere partiti senza avere un piano di cosa fare delle persone prese a bordo, se non usarle come ostaggi, è criminale e demenziale, eppure questo comportamento viene tollerato dalle autorità di polizia tedesche. Immaginate che vi si rompa l’auto in aperta campagna, e che giunga un carro attrezzi, per poi scoprire che l’autista è ubriaco marcio non può portarvi da nessuna parte perchè non sa neanche dove lui si trovi. Considerereste la sua condizione meno criminale solo perchè, in teoria, è arrivato al momento giusto, anche se il suo comportamento può mettere la vostra vita in pericolo?

queste navi che non hanno accordi a monte peer la gestione dei migranti devono essere fermate, come si ferma l’autista di un carro attrezzi ubriaco.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi