attualita' posted by

Come le compagnie aree più abili si sono salvate dall’aumento di prezzo dei carburanti

La copertura dei prezzi delle materie prime è una strategia di trading molto utilizzata dai produttori di petrolio e gas e dai grandi consumatori di materie prime energetiche come le compagnie aeree per proteggersi dalle fluttuazioni del mercato. Nei periodi di calo dei prezzi del greggio, i produttori di petrolio normalmente utilizzano una copertura “Corta”, cioè vendite a termine brevi, per non vincolarsi eccessivamente, mentre i forti consumatori come le compagnie aeree fanno l’esatto contrario: si coprono a lungo termine dall’aumento dei prezzi del petrolio che potrebbe rapidamente intaccare i loro profitti. Quasi tutti i costi di una compagnia aerea sono in qualche modo prevedibili, tranne uno: i costi a breve termine del carburante. Il carburante è in genere la voce più importante nel registro delle spese di una compagnia aerea e può rappresentare quasi un terzo dei costi operativi totali.

Due anni fa, molti grandi vettori hanno abbandonato le coperture petrolifere dopo aver subito ingenti perdite a causa dei prezzi persistentemente bassi del petrolio, ma con i prezzi del petrolio costantemente ai massimi pluriennali, sono stati costretti a invertire la rotta e stanno effettuando coperture in modo aggressivo, con i broker che segnalano il periodo di copertura dei consumatori più intenso degli ultimi anni.

E ci sono prove sempre più evidenti che questa volta le coperture a termine  sui carburanti stanno funzionando come dovrebbero. Questa copertura a termine sta dando i suoi frutti

Southwest Airlines  e Alaska Airlines  sono gli unici grandi vettori statunitensi che hanno costantemente coperto a lungo il costo del carburante . Southwest è l’unica grande compagnia aerea statunitense che è anche un vettore low-cost e il carburante rappresenta un terzo dei suoi costi operativi. La compagnia aerea ha iniziato a coprire i costi del carburante all’inizio degli anni ’90, dopo l’impennata dei prezzi del greggio durante la prima guerra del Golfo, e ha continuato a coprirli in modo religioso durante le fasi più difficili.

L’obiettivo di Southwest è quello di coprire ogni anno almeno il 50% dei costi del carburante e di utilizzare esclusivamente opzioni e spread call. Per farlo hanno utilizzato alcuni fra i migliori trader di Wall Street, e sono riusciti a contenere i costi con successo.  Tra il 2015 e il 2017 Southwest ha perso denaro con le sue coperture, ma quest’anno le coperture sul petrolio stanno dando ottimi risultati al vettore texano.

Secondo il Financial Times, un team di quattro trader di carburante della Southwest Airlines è riuscito a far risparmiare alla compagnia ben 1,2 miliardi di dollari quest’anno grazie a una copertura intelligente.

Mentre i prezzi del petrolio sono saliti del 40% da un anno all’altro, i distillati medi hanno registrato un’impennata ancora maggiore: il jet fuel ha recentemente raggiunto i 320 dollari al barile a New York (7,61 dollari/gallone), un enorme premio di oltre 200 dollari rispetto ai prezzi delle materie prime grezze. Il premio sul carburante per aerei è ~10 volte più grande di qualsiasi altro premio visto negli ultimi 30 anni. Le coperture di Southwest devono aver messo al riparo la compagnia da alcuni forti shock di prezzo.

Southwest è solo una delle tante compagnie che cercano di proteggersi dai prezzi elevati del petrolio. Negli ultimi mesi, c’è stato un rinnovato appetito da parte di molte compagnie aeree e un afflusso di nuovi operatori, tra cui Walt Disney (NYSE:DIS), oltre a imprese di autotrasporto e manifatturiere.

“Siamo anche molto fortunati perché per i prossimi 12 mesi siamo ben coperti sul carburante. Lo attribuirei più alla fortuna che a una gestione estremamente intelligente. Tuttavia, abbiamo acquistato l’80% del carburante fino a marzo 2023 a meno di 70 dollari al barile”, ha rivelato l’amministratore delegato di Ryanair Holdings Plc  Michael O’Leary durante l’ultima conferenza stampa della società.

Certo, la copertura nel mercato attuale può essere costosa, grazie alla forte domanda di prodotti di copertura. I costi di copertura più elevati sono stati accentuati dalla mancanza di liquidità degli ultimi mesi, che ha reso più difficile trovare controparti e concordare i prezzi. Tuttavia, poiché è improbabile che i prezzi del petrolio scendano a breve, i grandi consumatori di petrolio non hanno altra scelta se non quella di coprirsi a termine o rischiare di pagare miliardi di euro in più di costi del carburante.


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!
PayPal