attualita' posted by

Come Big Pharma ha cercato di sabotare l’Africa quando ha provato a prodursi un vaccino

I documenti pubblicati mercoledì da un’importante rivista medica rivelano che una fondazione collegata alla  società tedesca BioNTech, partner del vaccino contro il Covid-19 di Pfizer, ha lavorato dietro le quinte per minare lo sforzo degli scienziati africani per produrre un vaccino contro il coronavirus basato su mRNA.

Ad agosto, secondo il BMJ, la Fondazione kENUP ha esortato i funzionari del governo sudafricano a chiudere un’iniziativa sostenuta dall’Organizzazione mondiale della sanità con l’obiettivo di realizzare un vaccino mRNA partendo dal modello Moderna. “Il progetto dell’OMS Vaccine Technology Transfer Hub di copiare il processo di produzione del vaccino Covid-19 di Moderna dovrebbe essere interrotto immediatamente. Questo per prevenire danni ad Afrigen, BioVac e Moderna”, ha scritto la Fondazione kENUP in un documento di 20 pagine, riferendosi a due società sudafricane che partecipano allo sforzo di vaccinazione.

In alternativa, ha riferito The BMJ, kENUP ha portato avanti “la proposta di BioNTech di inviare impianti per vaccini  mRNA ospitate in container marittimi dall’Europa all’Africa, inizialmente con personale BioNTech, e una nuova proposta di percorso normativo per approvare i vaccini prodotti in queste fabbriche”.

“Il nuovo percorso è stato descritto come paternalistico e impraticabile da alcuni esperti, poiché sembra aggirare i regolatori locali”, ha osservato l’outlet.

Il progetto mRNA del Sud Africa, che ha recentemente iniziato a dare i suoi frutti, è stato reso necessario dal persistente rifiuto dell’industria farmaceutica di condividere la sua tecnologia con il mondo, negando ai paesi a basso reddito la capacità di produrre i propri colpi. Senza il supporto di Big Pharma o dei governi ricchi, gli scienziati sudafricani e l’OMS hanno deciso di provare a replicare il vaccino di Moderna utilizzando informazioni pubblicamente disponibili, inclusa la sequenza dell’mRNA dell’iniezione.

Le prove di sicurezza per il nuovo vaccino dovrebbero iniziare entro la fine dell’anno. Gli attivisti della salute pubblica che hanno elogiato il lavoro degli scienziati sudafricani hanno risposto alla campagna della Fondazione kENUP con indignazione.

“Spingere per la fine di questo progetto salvavita per proteggere gli interessi delle aziende farmaceutiche è vergognoso, in un momento in cui oltre il 90% delle persone nei paesi più poveri non è ancora stato completamente vaccinato”, Anna Marriott, responsabile delle politiche sanitarie a Oxfam International, ha detto in una dichiarazione giovedì. “Ciò che deve essere abolito sono i monopoli farmaceutici che bloccano i vaccini salvavita fuori dalla portata di milioni di persone nei paesi a basso e medio reddito”.

“Il fallimento dei governi dei paesi ricchi nell’intervenire e rompere questi onnipotenti monopoli è imperdonabile”, ha aggiunto Marriott. “Devono porre fine alla loro cieca fede che le società farmaceutiche affamate di profitto faranno volontariamente la cosa giusta da parte dell’umanità”.

Nella sua missiva di agosto ai funzionari sudafricani, la Fondazione kENUP ha affermato che le “prospettive di sostenibilità” per il progetto mRNA sostenuto dall’OMS “non sono favorevoli”, avvertendo che Moderna potrebbe riprendere l’applicazione dei diritti di brevetto una volta che riterrà la pandemia finita, ponendosi potenzialmente gravi sfide legali. Ma i funzionari che lavorano al progetto insistono sul fatto che non è in conflitto con le protezioni dei brevetti.

“Qui non si verifica alcuna violazione”, ha detto a Politico la scorsa settimana Martin Friede, un funzionario dell’OMS che aiuta a coordinare l’iniziativa. In una dichiarazione di novembre, il Medicines Patent Pool, un’organizzazione sostenuta dalle Nazioni Unite che sostiene il progetto in Sud Africa, ha respinto “voci infondate” secondo cui l’hub tecnologico del vaccino mRNA “intende violare i brevetti”.

“Il Medicines Patent Pool, che è responsabile della proprietà intellettuale e degli elementi di licenza dell’hub, desidera chiarire che non è così”, ha affermato l’organizzazione. “MPP garantirà che la tecnologia utilizzata nell’hub non sia coperta da brevetti o che siano in atto licenze e/o impegni da non far rispettare per consentire la libertà di operare”.

Charles Gore, direttore esecutivo di MPP, ha detto a The BMJ che “chiaramente, qualcuno è andato in giro per l’Africa dicendo che violeremo i brevetti, il che è estremamente sfortunato poiché è completamente falso”. Come spiegato da The BMJ, “la legge sudafricana contiene una disposizione che autorizza scienziati e produttori a svolgere attività di ricerca e sviluppo indipendentemente dalla protezione del brevetto, il che significa che il reverse engineering del vaccino di Moderna da parte dell’hub sudafricano è legale”.

“Moderna ha anche promesso pubblicamente di non far valere i suoi brevetti relativi al Covid-19 durante la pandemia e ha affermato di essere disposta a concedere in licenza la sua proprietà intellettuale dopo quel periodo”, ha osservato la pubblicazione. “L’hub è in trattative con Moderna per ottenere una tale licenza”.

Nonostante tutto questo Biontech, e la fondazione che la appoggia avevano troppa paura dello sviluppo tecnologico africano e quindi hanno fatto di tutto per sabotarlo. Questa è la generosità di Big Pharma, soprattutto lato tedesco…

 

 


Telegram
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di Scenari Economici.

⇒ Iscrivetevi subito


Sostieni ScenariEconomici.it

Fra Mass Media ormai completamente uniformati ai bollettini di informazione del Potere, Scenari Economici rimane una voce che presenta opinioni libere ed indipendenti. Aiutaci a crescere ed a farci conoscere, sia condividendo i nostri contenuti, sia, se vuoi, con una donazione. Grazie!

PayPal